logo_pier

BCC_NAPOLI_banner_superiore

logo_pier

logo_natale

Mar26092017

Ultimo Aggiornamento08:37:21

RELAX-WE-33

Alla Clinica Mediterranea di Napoli l'angiografo di ultima generazione per interventi più sicuri e precisi

clinica_mediterranea_fb
NAPOLI- Un’elevata qualità dell’immagine per visualizzare dettagli di appena un quinto di millimetro di spessore unita alla riduzione della dose di radiazioni erogate ai pazienti. Sono questi i punti di forza dell’innovativo cardioangiografo realizzato da GE Healthcare, divisione medicale di General Electric, installato presso il “Centro cuore alta specialità” della “Mediterranea” di Napoli, che ha recentemente rinnovato la sala di emodinamica.

Fiore all’occhiello della nuova area è il sistema di cardioangiografia rotazionale tridimensionale per un’immediata e accurata definizione anatomica delle varie strutture del cuore, che rappresenta lo stato dell’arte della cardiologia interventistica. L’angiografo digitale è dotato di caratteristiche dedicate che permettono di ottenere immagini di altissima qualità: in particolare è possibile visualizzare con estrema accuratezza dettagli di spessore estremamente sottile (circa un quinto di millimetro). Le immagini tridimensionali del cuore o dell’aorta acquisite con questa tecnologia vengono visualizzate con la massima risoluzione sul monitor in sala operatoria e permettono di posizionare con estrema precisione le protesi cardiache in corso di controllo radiologico ed eventualmente ecocardiografico.
“Nel corso degli ultimi decenni – afferma il Dott. Carlo Briguori, responsabile del Servizio di Emodinamica della Mediterranea – il progresso tecnologico in medicina ha percorso strade con velocità inimmaginabili. La medicina del futuro è certamente una medicina tecnologica. La tecnologia è di grandissimo aiuto nel settore sanitario, perché assiste il medico sia nel percorso diagnostico che nella programmazione terapeutica. In quest’ottica l’innovativo cardioangiografo installato presso il nostro centro rappresenta un chiaro esempio di tecnologia al servizio della qualità della prestazione sanitaria, verrà utilizzato principalmente per la diagnosi ed il trattamento dei pazienti affetti dalla malattia aterosclerotica coronarica (nelle sue diverse espressioni cliniche, dall’angina da sforzo fino all’infarto miocardico acuto) e degli altri distretti arteriosi (arterie carotidi, renali, e degli arti inferiori)”. La tecnologia del nuovo cardioangiografo consente di garantire l’ottimizzazione della dose di radiazioni somministrate, grazie a un innovativo software in grado di visualizzare sul monitor in sala e in tempo reale la radiazione che sta raggiungendo in quel momento le varie parti del corpo del paziente.
Il cardioangiografo sarà impiegato sia per lo studio dell'anatomia e del flusso sanguigno dell'apparato cardiovascolare e la diagnosi di malformazioni congenite o di patologie acquisite a carico dell'apparato valvolare o del muscolo cardiaco, sia per procedure coronariche complesse. L’elevata qualità delle immagini e l’interfaccia del dispositivo permetteranno di effettuare questi interventi con massima sicurezza e precisione.
Le innovazioni introdotte nella sala di emodinamica consentiranno ai professionisti del Dipartimento cardiovascolare di attuare e sviluppare ulteriormente interventi innovativi, mininvasivi, ad alta complessità coniugando avanzamento tecnologico, possibilità di lavoro in team multidisciplinare e attenzione massima al comfort e alla sicurezza dei pazienti, nell’ottica di una sempre maggiore umanizzazione del percorso terapeutico.

Musica

JA Teline IV

Piaceri e Profumi

JA Teline IV

Viaggi

JA Teline IV

Sesso

JA Teline IV

Libri & Poesie

Avatar