ACERRA – Il sessantacinquenne era intento ad esercitare l’attività clandestina di uccellagione quando i militari della Stazione dei Carabinieri Forestali di Marigliano, comandati dal M.llo Alessandro Cavallo, insieme alle Guardie Venatorie della LIPU, coordinate dal Cav. Giuseppe Salzano, hanno accerchiato l’area e chiuso nella loro morsa il predatore di frodo. Questa volta il bracconiere è caduto nella rete, chiuse le vie di fuga, non ha potuto opporre resistenza ai tutori della Legge e si è consegnato.

L’impianto di uccellagione è stato totalmente smontato e tutti i componenti sequestrati insieme a due cardellini adoperati come “zimbelli”. I militari hanno eseguito la perquisizione domiciliare all’esito della quale hanno rinvenuto e sequestrato altri quattro cardellini.

L’uomo è stato denunciato per il reato di “maltrattamento agli animali” e per avere esercitato l’uccellagione in violazione alla L. 157/92 ed i sei cardellini sono stati tutti liberati ed hanno ripreso la loro vita in natura.

“Stiamo assistendo ad una continua ed irrefrenabile mattanza di animali selvatici – afferma l’Avv. Fabio Procaccini, Delegato della LIPU di Napoli – Le norme sono severissime, il reato di maltrattamento è punito da tre a diciotto mesi di reclusione e con la multa da 5.000 a 30.0000 euro ed è assurdo che neanche il COVID-19 trattiene i bracconieri nelle loro case”

“Bisogna assolutamente mettere fine a questa barbarie: È finito il tempo dei proclami, bisogna agire e punire, concretamente e severamente, chi maltratta gli animali. Esistono delle norme e delle leggi cha vanno rispettate ed applicate, non si può più essere tolleranti.”- ha concluso il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments