CAPRI – Al termine dell’autopsia, effettuata dal CERT in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, il C.Re.Di.Ma, la Stazione zoologica Anton Dohrn e l’Università degli Studi Federico II di Napoli, sul corpo della balena rinvenuto a Capri domenica 8 novembre si è rilevata l’assenza di plastica o reti nello stomaco e che il cetaceo fosse morto da una decina di giorni, probabilmente a causa di una grave parassitosi riscontrata.

“Si tratta di ipotesi sulla morte della balena, ora occorrerà tempo per avere certezze, come ci hanno anche comunicato dalla stazione Anton Dohrn. L’importante, però, è che sia stata esclusa la plastica come causa del decesso, questo ci fa fare un piccolo sospiro di sollievo.”- commentano il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli e Vincenzo Peretti, ordinario del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali della Federico II.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments