NAPOLI – Continua la strage dei randagi. Stavolta a farne le spese è un gatto di strada adottato dai residenti del Parco Lugi Settembrini di San Giovanni a Teduccio avvelenato da ignoti.

L’accaduto è stato segnalato da alcuni cittadini al Consigliere Regionale di Europa Francesco Emilio Borrelli sempre attivo nella lotta per la tutela degli animali e dei loro diritti.

“Stiamo assistendo ad un preoccupante aumento di questi gesti barbari e di una crudeltà infinita.

Soprattutto da quando è iniziata l’emergenza covid vi è stato un notevole aumento di casi denunciati e bisogna capirne il motivo, forse c’è ancora qualcuno che pensa che cani e gatti possono essere vettori del virus, se è così bisogna far partire una campagna comunicativa ad ampio raggio.

In ogni caso il problema ha radici più profonde ed antecedenti all’emergenza sanitaria e quindi bisogna pensare ad una riforma delle normative per prevedere pene molto severe per chi commetti gesti simili che noi condanniamo nella maniera più assoluta.

Chi si rende protagonisti di queste violenze è una belva e non merita nessun rispetto.”- sono state le parole del Consigliere Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments