SZN_-_Liberazione_tartarughe_03

NAPOLI – “Dobbiamo lavorare per il potenziamento del Centro di primo soccorso dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella e rafforzare il coordinamento con le associazioni di categoria e la Stazione Zoologica Anton Dohrn, per mettere un freno a quella che sta assumendo i contorni di una vera e propria mattanza di tartarughe nelle nostre acque. Un fenomeno sempre più allarmante, alla luce del ritrovamento di 15 esemplari di Caretta Caretta trovate morte nei giorni scorsi, vittime dell’inquinamento da plastica, della pesca accidentale e delle imbarcazioni che le urtano inavvertitamente. Un rischio reso ancora più alto dalle basse temperature del mare in questo periodo, che rendono le tartarughe più fragili”. Lo dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Luigi Cirillo, a margine dell’audizione in Commissione regionale Ambiente.

“Dopo il finanziamento regionale che abbiamo ottenuto, a seguito dell’approvazione di un emendamento a mia firma, dobbiamo impegnarci per strutturare il Centro di primo Soccorso e farne un punto di riferimento per il territorio. Al contempo, dobbiamo farne un luogo in cui promuovere azioni di sensibilizzazione, formazione ed educazione ambientale per la salvaguardia di una specie affascinante e importante per l’ecosistema marino”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments