Furto_bicicletta-2

PROCIDA – “Giustizia privata” per gli amanti delle pellicole americane, “esercizio arbitrario delle proprie ragioni” per i giuristi. Il concetto alla base è lo stesso e ora lo sanno anche un 49enne e la compagna di 47 anni.

Un passo indietro ci porta a Procida.
Un 22enne del posto scavalca la recinzione di un villino e porta via una bici elettrica parcheggiata in giardino.
Le due vittime del furto, l’uomo e la donna raccontati poco fa, si rivolgono ai Carabinieri di Procida, denunciano il fatto ma avviano parallelamente indagini autonome.
In casa sono installate alcune telecamere e possono dare un’occhiata alle immagini registrate.
In fondo Procida è un’isola piccola ed è facile che conoscano il responsabile.
Infatti lo riconoscono e, senza avvisare i militari, rispondono allo sgarro con l’antichissima pratica del taglione.
Pedinano il presunto autore del furto fino ad uno stabilimento balneare.
Attendono che si lanci in acqua per un bagno rinfrescante e poi gli portano via la bici elettrica (un’altra rispetto a quella rubata) e il cellulare. Un pegno che costerà loro una denuncia per esercizio arbitrario delle proprie ragioni.
Non se la cava bene nemmeno il 22enne. Anche lui presenterà denuncia per furto ai Carabinieri ma – scusate il gioco di parole – nello stesso momento, sarà denunciato per furto aggravato.

Gli stessi Carabinieri, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio sull’isola, hanno denunciato due persone per esercizio abusivo di una professione.
I militari hanno scoperto che l’uomo conducesse un b&b senza aver mai ricevuto autorizzazione. In attività dal 2021, i due impresari sono stati sanzionati anche per aver alloggiato turisti senza comunicare i loro dati anagrafici all’autorità. Controlli sulle affittanze abusive saranno eseguiti anche nei prossimi giorni.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments