cimitero

SAN GIORGIO A CREMANO – San Giorgio si prepara alla celebrazione dei defunti. Per onorare la memoria dei cari estinti l’amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Zinno, in collaborazione con la società che gestisce Servizi Cimiteriali, estende l’orario di apertura del cimitero fino alle ore 21.00 nel giorno 31 ottobre, al fine di facilitare l’usanza di allestire le tombe con fiori per le celebrazioni dell’1 e 2 novembre.

Su indirizzo dell’assessore Pietro De Martino poi, sarà apposta su tutte le circa 1200 tombe una rosa; un gesto con cui si intende rendere omaggio anche ai defunti dimenticati.

Inoltre è aperto per la prima volta il nuovo ossario comunale, finora mai stato accessibile.

Apertura che segue anche la catalogazione di almeno 200 resti sui circa 300 presenti nel luogo e i cui nomi sono stati trascritti su un apposita targa, visibile a tutti.

Da qui anche l’invito ai cittadini che non l’hanno mai fatto, a visitare l’ossario e trasmettere eventuale conoscenza per l’identificazione dei resti ancora non riconosciuti.

Inoltre sono stati ristrutturati i nicchiari comunali, esistenti nella parte storica del cimitero.

E non è tutto. Da qualche mese il cimitero di San Giorgio a Cremano è oggetto di importanti interventi che vanno nella direzione dell’ammodernamento rispetto alla gestione dello stesso e all’attenzione nei confronti dell’utenza.

Tra queste un impianto di video sorveglianza, dotato di 10 telecamere che vigilano su tutto il cimitero, l’allestimento di una nuova segnaletica interna con chiare indicazioni relative all’intera area cimiteriale e la ristrutturazione dei bagni.

Tra poche settimane saranno anche abbattute le barriere architettoniche nell’area cimiteriale, ammodernando anche il sistema di accesso ai diversamente abili, che comunque oggi è garantito attraverso una pedana manuale che ne consente l’ingresso.

Da poche settimane poi è presente nel cimitero anche una camera medica di primo soccorso, allestita con un defribillatore. Il personale dipendente è stato istruito, attraverso appositi corsi, per intervenire in caso di necessità.

Inoltre l’assessore De Martino ha chiesto al dirigente la modifica del regolamento che prevede il divieto di accesso ai cani, consentendo al contrario ai padroni di poter visitare i propri cari. Questa misura agevolerebbe in particolare gli anziani che non sanno a chi lasciare in custodia il proprio animale.

“I servizi al cittadino passano anche attraverso azioni come queste – spiega il sindaco Giorgio Zinno – in quanto il cimitero è da sempre un luogo di memoria. Tutti gli interventi esposti sono a totale carico della società che gestisce i Servizi Cimiteriali trasformando in prestazioni gli indirizzi dell’Ente”.

“L’identità cittadina si identifica anche laddove è conservata la memoria storica del territorio. Per questo – conclude Pietro De Martino – all’ingresso del cimitero sarà apposta una targa commemorativa del luogo santo che fu aperto e benedetto il 14 marzo1839 e compirà pertanto il prossimo anno 180 anni.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments