SAN GIORGIO A CREMANO – È fissato per l’8 settembre 2021 il primo round della contesa di fronte alla giustizia amministrativa tra Italgas e 2i Rete Gas sulla gara nell’Atem Napoli 1.
Per quella data è infatti prevista la camera di consiglio del Tar campano sul giudizio cautelare.

Lo scorso 9 agosto il Tribunale ha autorizzato 2i a superare i limiti dimensionali della documentazione, poi depositata il 20 agosto. Nel ricorso, Italgas chiede il “risarcimento in forma specifica con domanda di subentro nel contratto eventualmente stipulato e, ove questo non fosse possibile, il risarcimento per equivalente di tutti i danni subiti e subendi in ragione della illegittimità dei provvedimenti impugnati”.

Come noto, la gara da oltre 650 mln € che riguarda circa 370 mila Pdr nei comuni di Napoli, Portici, Ercolano, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata e Torre del Greco è stata assegnata a 2i con uno scarto di soli 0,3 punti rispetto a Italgas.

Le due società sono peraltro i gestori uscenti nell’Atem Genova 2, il cui bando da 194,907 mln € è stato pubblicato sulla Gazzetta Ue a inizio agosto, con termine per le offerte fissato al 31 marzo 2022. In precedenza, con delibera 270/2021 l’Arera aveva approvato una serie di osservazioni al bando.

Da segnalare infine che a metà luglio il Tar Emilia Romagna ha parzialmente accolto il ricorso di Gei – Gestione Energetica Impianti unipersonale contro la gara nell’Atem Rimini da 322,341 mln €, limitatamente “all’avvenuta esibizione dei dati aggiornati al triennio 2016-2018”.

Dal sito del Comune si evince comunque che la procedura sta andando avanti: il termine per le offerte è il 29 dicembre 2021.(ANSA)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments