SAN GIORGIO A CREMANO – “Invitiamo tutti i cittadini di San Giorgio a Cremano e non ad andare al cinema Flaminio durante l’estate.

La sala potrebbe chiudere a breve per mancanza di fondi, lasciando la città senza una sala cinematografica funzionante. Dal 1972 il cinema Flaminio rappresenta un punto focale nella storia recente di San Giorgio a Cremano, un luogo al quale sono legati tanti ricordi dei sangiorgesi.

La sala fu cara anche al grande Massimo Troisi che la frequentò durante gli anni Settanta. Ora, a causa della crisi economica, il cinema rischia di chiudere i battenti, privando l’intera comunità di un riferimento culturale”.

Lo affermano il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli che hanno raccolto l’appello del sindaco di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno.

“Per raccogliere fondi volti a salvare il cinema Flaminio – spiegano Borrelli e Simioli – è in piedi l’idea di riportare in sala i film di Massimo Troisi durante l’estate. Una piccola rassegna per coinvolgere quanto più possibile la cittadinanza e per offrire ai più giovani la possibilità di rivivere in sala le pellicole di uno dei figli migliori della città di San Giorgio a Cremano”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments