carcere-secondigliano

NAPOLI – Nonostante lo abbia più volte denunciato, una donna, Loredana, continua ad essere vittima di minacce e di violenze da parte del suo ex compagno, un pregiudicato già arrestato nel 2018.

Nonostante la detenzione da oltre due anni l’aguzzino riesce ad avere accesso ai social e al cellulare inviando minacce e insulti con la promessa che, una volta uscito, si ripresenterà a casa da lei. Sui social, dove ha creato diversi profili fittizi, l’uomo lancia messaggi inquietanti contro l’ex compagna, mostrando anche la strada in cui abita, la sua auto e facendo riferimento a sé stesso in veste di assassino.

La donna, originaria del quartiere Vomero di Napoli, si è rivolta più volte al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli e a Gianni Simioli della Radiazza per denunciare la propria situazione per avere protezione dalle Istituzioni mentre ora trascorre le sue giornate tra caserme e commissariati per sporgere le denunce che fino ad adesso non hanno sortito gli effetti desiderati e lei, assieme a sua figlia, continua a subire minacce e temere per la propria vita.

“Bisogna assolutamente intervenire per salvare Loredana. Al direttore del carcere abbiamo chiesto di mettere in condizione quell’uomo di non poter utilizzare in alcun modo i cellulari, mentre alla magistratura abbiamo chiesto di non concedere assolutamente gli arresti domiciliari dato che potrebbe approfittarne per evadere e far del male a questa donna. Inoltre bisogna intervenire anche per fermare i complici di questo criminale che lo stanno aiutando nelle sue azioni. Bisogna far presto prima che accada il peggio.”- ha raccontato Borrelli che nella mattinata del 5 maggio si è recato per la seconda volta nel carcere di Secondigliano per chiedere interventi immediati al direttore.

video: https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/394201519243418

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments