CORTEO

NAPOLI – Più di 3000 persone tra studenti, migranti, rappresentanti di Non una di meno, del movimento per la casa e della rete di solidarietà popolare sono scese in piazza per il corteo organizzato da Potere al Popolo, dal movimento migranti e dai collettivi studenteschi contro il governo targato Lega e Cinque stelle.

All’apertura del corteo è stato esposto uno striscione in solidarietà a Mimmo Lucano, sindaco di Riace ancora sottoposto agli arresti domiciliari.
Gli studenti hanno protestato anche contro i gravissimi casi di incursione della polizia all’interno delle scuole e per una situazione insostenibile dell’edilizia scolastica. Per queste ragioni un documento è stato consegnato alla Città Metropolitana, responsabile del settore. I migranti denunciano la situazione aggravata dalle politiche del governo con il dl sicurezza che porterà solo beneficio alle mafie e ai caporali e il clima di legittimazione del razzismo che si aggrava ogni giorno di più nei quartieri dove si diffonde la propaganda leghista.

“Da Napoli abbiamo voluto mandare un segnale molto chiaro” dichiarano in piazza i manifestanti, “ciò che questo governo prova a dividere in nome dell’odio noi lo uniamo nelle piazze, nelle lotte, con la solidarietà perchè sappiamo che i nostri nemici non sono i più poveri o chi ha la pelle diversa dalla nostra ma chi ci ha portati in questa situazione di miseria, continuando ad arricchirsi”

Il corteo si è concluso a Piazza del Plebiscito, davanti la Prefettura, dove si è svolta un’assemblea con numerosi interventi di attivisti del movimento migranti, di non una di meno, dei collettivi studenteschi.
E’ il primo appuntamento verso la manifestazione nazionale contro il Governo Giallo- Verde prevista il 20 Ottobre a Roma, contro i provvedimenti varati contro le donne e i migranti, per chiedere investimenti pubblici sul lavoro, le nazionalizzazioni e il reddito.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments