riace

NAPOLI – Il sindaco di Riace, Domenico Lucano detto Mimmo, è stato arrestato dalla Guardia di finanza e posto ai domiciliari con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed illeciti nell’affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. L’arresto é stato fatto in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Locri su richiesta della Procura della Repubblica.

Lucano ha dimostrato una “spigliatezza disarmante, nonostante il ruolo istituzionale rivestito”, nell’ammettere “pacificamente più volte, ed in termini che non potevano in alcun modo essere equivocati, di essersi reso materialmente protagonista ed in prima persona adoperato, ai fini dell’organizzazione di matrimoni ‘di comodo'”. Lo afferma il procuratore di Locri Luigi D’Alessio, in una nota. Al riguardo viene riportato un dialogo intercettato dalla Guardia di finanza sul matrimonio di una cittadina straniera cui era già stato negato per tre volte il permesso di soggiorno. “Lei – dice Lucano – ha solo la possibilità di tornare in Nigeria. Secondo me l’unica strada percorribile, che lei si sposa! Io sono responsabile dell’ufficio anagrafe, il matrimonio te lo faccio immediatamente con un italiano. Mi fa un atto notorio dove dice che è libera e siccome è richiedente asilo non vado ad esaminare i suoi documenti perché uno che è in fuga dalle guerre non ha documenti. Se succede questo in un giorno li sposiamo”.

l sindaco di Riace Domenico Lucano ha dimostrato una “spigliatezza disarmante, nonostante il ruolo istituzionale rivestito”, nell’ammettere “pacificamente più volte, ed in termini che non potevano in alcun modo essere equivocati, di essersi reso materialmente protagonista ed in prima persona adoperato, ai fini dell’organizzazione di matrimoni ‘di comodo'”. Lo afferma il procuratore di Locri Luigi D’Alessio, in una nota. Al riguardo viene riportato un dialogo intercettato dalla Guardia di finanza sul matrimonio di una cittadina straniera cui era già stato negato per tre volte il permesso di soggiorno. “Lei – dice Lucano – ha solo la possibilità di tornare in Nigeria. Secondo me l’unica strada percorribile, che lei si sposa! Io sono responsabile dell’ufficio anagrafe, il matrimonio te lo faccio immediatamente con un italiano. Mi fa un atto notorio dove dice che è libera e siccome è richiedente asilo non vado ad esaminare i suoi documenti perché uno che è in fuga dalle guerre non ha documenti. Se succede questo in un giorno li sposiamo”.

“Accidenti, chissà cosa diranno Saviano e tutti i buonisti che vorrebbero riempire l’Italia di immigrati! #Riace”. Lo scrive il ministro dell’Interno Matteo Salvini su Twitter. (ANSA)

NAPOLI SCENDE IN PIAZZA PER IL SINDACO DI RIACE

” L’arresto di Mimmo Lucano, sindaco di quella Riace modello d’integrazione possibile, è un pugno allo stomaco per chi come noi lotta per i valori di accoglienza e umanità. Mimmo doveva essere nostro ospite venerdì all’incontro ‘Riace – Catania – Roma. L’Italia che lotta per accogliere’, per dare il suo contributo al dibattito e raccontare la sua esperienza, un’esperienza di cuore in un’Italia che è spinta all’odio per meri fini politici. Siamo in contatto in queste ore coi suoi avvocati per capire cosa stia accadendo, nel frattempo a nome del Festival Del Cinema dei Diritti Umani di Napoli esprimiamo a Mimmo la nostra incondizionata solidarietà”.

Lo afferma Maurizio Del Bufalo, presidente del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli.

Chiamiamo tutti i napoletani a raccolta: venerdì sera saremo a Piazza Forcella (via Vicaria Vecchia) alle 19.30 per stringerci intorno a Mimmo e tutti quelli che nel mondo si battono per i diritti umani”

Venerdì avremo l’occasione di discutere anche di questo caso con l’ASGI Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments