NAPOLI – “Nella serata di martedì ho documentato in un video la vandalizzazione delle giostrine di piazza Poderico, nel cuore dell’Arenaccia, ad opera di una trentina di ragazzini, di età compresa tra i 13 e 16 anni. A bordo di scooter, senza indossare il caso, circolavano all’interno dell’area pedonale, comportandosi da teppisti.

Ho sollecitato il 113 per chiedere l’intervento di una volante. Poco dopo tra i commenti al video sulla mia pagina Facebook sono apparse una serie di minacce, postate dai membri della baby gang”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Con l’atteggiamento tipico dei delinquenti hanno scritto che se mi avessero visto mi avrebbero aggredito. Ovviamente queste minacce sono state trasmesse ai carabinieri. Analizzando i profili dei giovani teppisti si notano una serie di messaggi contro lo Stato e l’autorità, tipici di chi cresce in ambienti familiari caratterizzati da illegalità e disprezzo delle regole. Per questa ragione ho segnalato il video anche ai servizi sociali del Comune di Napoli.

Trattandosi di minorenni è il caso di analizzare se sussistono profili di intervento. Da tempo chiediamo un intervento legislativo che permetta di revocare la patria potestà ai condannati per reati penali. Non so se è questo è il caso ma di certo i genitori di questi piccoli teppisti hanno fallito nel loro ruolo”.

Un trentina di #ragazzini tra i 13 e i 16 anni si divertono a #devastare le #giostrine di Piazza Poderico all'Arenaccia. Tutti guidano lo #scooter, sono senza #casco e corrono a tutta velocità nell'area #pedonale. Ho chiamato il 113

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Martedì 26 marzo 2019

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments