movida-roma

NAPOLI – Il Questore di Napoli, su proposta della Legione Carabinieri Campania – Gruppo di Napoli, ha disposto la sospensione per 90 giorni delle attività di somministrazione di alimenti e bevande, nonché della licenza di agibilità di pubblico spettacolo nei confronti di una discoteca di via Coroglio.

Il locale, evidentemente divenuto punto di riferimento per soggetti di indole violenta, è stato più volte teatro di risse, aggressioni e reati contro il patrimonio; in uno degli ultimi episodi, avvenuto il 15 settembre scorso, un giovane avventore è stato gravemente ferito all’addome con un’arma da taglio.

Il provvedimento è dunque finalizzato a scongiurare un concreto pericolo per la pubblica sicurezza.

“Condividiamo a pieno la decisione del Questore di Napoli di imporre 90 giorni di chiusura alla discoteca ‘Voga’ di via Coroglio, recentemente teatro del ferimento di un 17enne. Riteniamo che il provvedimento, adottato per motivi di ordine pubblico, sia assolutamente sacrosanto. Occorre pugno duro contro i locali che non rispettano le regole. La discoteca è stata più volte teatro di furti, risse e aggressioni.

I gestori dei locali devono capire che i locali devono essere luoghi di legalità, non dei saloon dove tutto è permesso”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

“La chiusura del ‘Voga’ deve rappresentare il primo passo per la riaffermazione della legalità a Coroglio, un’area dove accade di tutto tra risse, movida incivile, traffico e parcheggiatori abusivi.

In merito ai locali notturni rinnoviamo tra l’altro il nostro invito ad adottare i metal detector agli ingressi in modo da evitare che all’interno delle discoteche si introducano persone armate di pistola o di altri oggetti atti ad offendere”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments