sorbillo-jpg

NAPOLI – “Le sinistre dinamiche camorristiche alla base dell’attentato bomba a Sorbillo, emerse in seguito all’attività investigativa, smentiscono una volta per tutte ironie e fake news.

Mentre alcuni polemisti di professione mettevano in dubbio i danni, anche morali, subiti da un imprenditore onesto le forze dell’ordine ricostruivano i contorni della vicenda.

La verità, alla fine, è venuta a galla. E si tratta di una verità inquietante”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli.

“Ricordiamo che battutine e le fake news sono arrivate anche da altri imprenditori.

Proprio coloro che dovevano solidarizzare hanno messo addirittura in dubbio l’esistenza dei fenomeni camorristici.

Qualche soggetto è arrivato a sostenere che Sorbillo avrebbe finto un attentato per farsi pubblicità. Dinanzi alle risultanze delle indagini, qualcuno dovrebbe vergognarsi e chiedere scusa”.

Lo stesso Sorbillo ha stigmatizzato gli attacchi in diretta a “La Radiazza”: “Non mi interessa alimentare le polemiche, non bisogna cadere nelle trappole dell’odio social.

Mi preme solo pensare al mio lavoro, oramai sono abituato agli attacchi gratuiti.

Alcune persone sfogano la frustrazione così ma, alla fine, la verità viene sempre a galla.

Ho grande fiducia nell’operato degli inquirenti, stanno facendo un grande lavoro.

Purtroppo disoccupazione giovanile e rabbia sociale favoriscono la criminalità organizzata”.

“L’attività investigativa delle forze dell’ordine – proseguono Borrelli e Simioli – deve procedere senza sosta. Gino Sorbillo, Mario Granieri e tutti gli altri imprenditori colpiti dalla camorra meritano giustizia.

Lo denunciamo da tempo: la malavita organizzata sta tentando di rialzare la testa.

Ed è un fenomeno trasversale che riguarda anche altri quartieri.

Le risultanze investigative delineano contorni inquietanti.

Servono unità di vedute e blocco comune per far muro contro questa escalation. L’epoca delle risatine e delle ironie sussurrate tra i denti è finita.

Istituzioni, forze dell’ordine, cittadinanza e tessuto imprenditoriale devono lottare fianco a fianco.

Altrimenti la città incasserà una sonora sconfitta e ne pagheremo tutti le conseguenze”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments