Poste_italiane-65vlyqflxo0jvznttiie2ya7bru3fhk2t8kvpprnsnr

CAPRI – A seguito della giusta e condivisibile ordinanza di restrizione dell’ arrivo sull’ isola del personale non domiciliato sulla stessa, Poste Italiane s.p.a. ha sospeso la consegna di corrispondenza, compresi plichi, pacchi e raccomandate, con eventuali scadenze, da quasi una settimana in entrambi gli comuni dell’ isola.

Dato che in molti casi si tratta anche di materiale urgente da consegnare, in particolare avvisi di scadenze di pagamento, di comunicazioni dell’ Inps, notifiche, pacchi contenenti anche beni utili a famiglie, che non si possono spostare in esercizi commerciali facilmente, abbiamo contattato le due amministrazioni dell’ isola di Capri, nelle persone del sindaco di Capri Marino Lembo e del vicesindaco di Anacapri Franco Cerrotta, con cui abbiamo verificato e condiviso soluzioni alternative alla problematica, tenendo conto che da un lato è inattaccabile, e deve continuare ad essere, l’ ordinanza restrittiva in essere, e dall’ altro è essenziale, in alcuni casi, la consegna della posta, anche costituzionalmente garantita.

Si pensi, ad esempio, alla ricezione delle bollette del telefono, che in caso di mancato pagamento comporterebbero la disattivazione dell’ utenza, con problemi e disagi a carico dell’ utenza, già di per sè in sofferenza per l’ isolamento domiciliare.

Pertanto, ci attiveremo, congiuntamente alle due amministrazioni, a sollecitare alla direzione degli uffici di smistamento, che ha il potere di risolvere la questione, di predisporre soluzioni alternative, per garantire la corretta funzionalità, in particolare:

a) collocare sull’ isola proprio personale, considerato il periodo di necessità, in alloggi riservati, così come prospettato per il personale medico ospedaliero, nei locali che le Poste s.p.a. hanno già a disposizione e destinato ad alloggi
b) in caso di impossibilità, comunicare ai due comuni l’ elenco della corrispondenza URGENTE, con numero di raccomandata ed il nominativo del destinatario, in maniera da poter essere contattato telefonicamente da volontari dei due comuni, per il ritiro presso l’ ufficio postale in maniera scaglionata al fine di evitare contatti ed assembramenti
c) eventualmente, procedere, in deroga alle normative in materia, ad un’ assunzione provvisoria di un addetto alle consegne RESIDENTE per ciascun comune per un periodo limitato di tempo in base all’ evoluzione della crisi in atto.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments