NAPOLI – Tra Ponticelli e San Giovanni a Teduccio i Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco insieme a colleghi della Compagnia di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione a un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura a carico di 2 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di rapina e di detenzione e porto illegale d’arma da fuoco.

Il provvedimento è stato emesso dopo indagini del Nucleo Operativo e Radiomobile di Torre del Greco eseguite insieme a militari di Castello di Cisterna.

Stabilita la responsabilità dei 2 soggetti in ordine a una rapina commessa a Torre del Greco lo scorso 18 ottobre con il metodo del filo di banca a danni di una signora.

Uno dei malfattori si era introdotto nel Banco di Napoli di Torre Annunziata per individuare la vittima che aveva prelevato 3.000 euro. Successivamente i due rei avevano seguito la vittima a bordo di un’auto.

In un secondo momento uno dei 2 era salito in sella a uno scooter e aveva raggiunto la vittima sottraendole la somma di denaro poco prima ritirata minacciandola con una pistola e con l’esplosione di un colpo.

Nel corso delle perquisizioni effettuate durante l’esecuzione del provvedimento sono state rinvenute una pistola a salve occultata sotto il freno a mano di una vettura e materiale per travisare i volti all’interno di un borsone. Sequestrati i 2 veicoli in uso ai malviventi.

Gli arrestati sono stati tradotti a Poggioreale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments