NAPOLI – Grosse chiazze marroni, sporcizia varia, cartacce, mozziconi di sigaretta. E’ questo, come ci hanno segnalato alcuni cittadini, il quadro che questa mattina presentava il mare di San Giovanni a Teduccio.

Uno spettacolo raccapricciante, frutto di sversamenti illegali e avventori incivili che credono di poter trattare il mare come una pattumiera pubblica.

“Purtroppo, come denunciamo da mesi, la situazione delle acque della nostra regione sta iniziando a diventare pericolosa e preoccupante. Ogni giorno i cittadini ci inviano immagini di chiazze in mare, rifiuti, raccontandoci situazioni vergognose e tanfo insopportabile. Anche in questo caso abbiamo deciso di contattare l’Arpac per chiedere l’analisi delle acque e verificare se siano presenti sostanze nocive. Chiediamo da tempo di applicare misure più stringenti e controlli serrati per evitare di ritrovarci, ogni volta, a raccontare questo scempio”. Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments