NAPOLI – “Per chi decide di rendere omaggio ai propri cari nel giorno della ricorrenza dei defunti, il cimitero di Poggioreale rischia di diventare un’avventura pericolosa e angosciante. Nessuna traccia del piano annunciato per garantire sicurezza e decoro. Una volta varcata la soglia d’ingresso nessuna indicazione e nessun addetto che possa orientare i visitatori nel labirinto di viottoli. Unica presenza, e solo all’entrata, quella del personale della “cooperativa 25 giugno”. Per il resto un insieme di lapidi cadute e rimaste lì dopo gli ultimi eventi atmosferici dei mesi passati. In alcun anfratti è possibile scorgere anche i corpi dei defunti, coperti da sacchi neri, che fanno mostra di sé. Nessuna colonnina per la disinfezione delle mani e, per finire, erba incolta e residui di potature abbandonati nei viali, marmi rotti e basoli saltati. Un quadro devastante che non fa onore alla nostra città e ferisce la dignità di chi vuole onorare il culto dei morti. La bassa affluenza di oggi non è detto che si ripeta domani. Invitiamo l’amministrazione a correre ai ripari e a garantire ai cittadini i servizi minimi per la sicurezza, a predisporre adeguati controlli del rispetto del distanziamento e dell’utilizzo delle mascherine e a predisporre colonnine disinfettanti all’interno delle congreghe e all’esterno delle stesse. La ricorrenza dei defunti non sia nuova occasione di diffusione del contagio. Lo hanno dichiarato il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli e il rappresentante territoriale del Sole che Ride Enzo Vasquez che ha svolto un sopralluogo nel cimitero di Poggioreale segnalando tutte le criticità.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments