Coroglio

NAPOLI – “Coroglio e Bagnoli sono ormai fuori controllo con parcheggiatori abusivi che alimentano e favoriscono il parcheggio selvaggio in qualsiasi posto possibile, locali che occupano spazi pubblici o lasciano la musica a volume altissimo, rendendo impossibile anche semplicemente parlare a chi si trova a passare in quelle zone o, peggio ancora, ci vive”.

A descrivere la situazione insostenibile che si vive, soprattutto nei fine settimana, è il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli che, durante la sera tra domenica e lunedì, ha percorso tutta l’area documentando la resa dello Stato.

“Una cosa è la movida – continua Borrelli – che è importante in una città come Napoli ed è giusto che ci sia, ma ben altra cosa è quello che succede nelle strade di Coroglio e Bagnoli dove ormai c’è la fiera delle illegalità sopratutto nei week end e ogni giorno va sempre di peggio perché chiunque si sente in diritto di aggiungere illegalità a quelle già esistenti. Sono stato per circa tre ore a girare in lungo e in largo la zona e ho trovato solo il controllo militare e scientifico dei delinquenti che gestiscono le aree pubbliche e i marciapiedi come parcheggi costringendo i cittadini a camminare per strada, hanno il controllo di tutti i venditori abusivi che agiscono nei pressi dei locali e gli spacciatori. Non ho trovato alcuna presenza delle forze dell’ordine se non un’auto della Polizia parcheggiata fuori la caserma chiusa a Piazzetta Bagnoli e una camionetta vuota parcheggiata davanti all’Arenile”.

“Serve un’azione di contrasto forte da parte di tutte le forze dell’ordine per un controllo serrato delle attività e delle aree circostanti perché, al momento, la sensazione è che, nei fine settimana, lo Stato, nei fatti, lascia quel territorio nelle mani dei delinquenti o comunque di chi non ha alcun rispetto per le leggi e le regole di convivenza civile” ha aggiunto Borrelli per il quale “non si può continuare a lasciare un pezzo della città in quelle condizioni, anche per evitare che si fermi ogni ipotesi di sviluppo coordinato e sostenibile di quella zona che rappresenta un enorme potenziale economico per lo sviluppo di Napoli e dell’intera regione. I cittadini perbene sono lasciati soli al loro destino tra incivili e delinquenti”.

#Coroglio terra di nessuno. I delinquenti hanno determinato nuove regole che oramai rispetta anche la #polizia locale. #riprendiamociNapoli

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 16 settembre 2018

#Coroglio terra di nessuno. I delinquenti hanno determinato nuove regole nella gestione del territorio che appartiene a loro. #riprendiamociNapoli

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 16 settembre 2018

Coroglio e Bagnoli ostaggio dei delinquenti nei week end. Borrelli. Nei fine settimana lo Stato abbandona quel territorio a chi non rispetta la legge e ferma ogni ipotesi di sviluppo e rilancio. I cittadini perbene abbandonati al loro destino tra incivili e delinquenti“Coroglio e Bagnoli sono ormai fuori controllo con parcheggiatori abusivi che alimentano e favoriscono il parcheggio selvaggio in qualsiasi posto possibile, locali che occupano spazi pubblici o lasciano la musica a volume altissimo, rendendo impossibile anche semplicemente parlare a chi si trova a passare in quelle zone o, peggio ancora, ci vive”.A descrivere la situazione insostenibile che si vive, soprattutto nei fine settimana, è il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli che, durante la sera tra domenica e lunedì, ha percorso tutta l'area documentando la resa dello Stato.“Una cosa è la movida – continua Borrelli – che è importante in una città come Napoli ed è giusto che ci sia, ma ben altra cosa è quello che succede nelle strade di Coroglio e Bagnoli dove ormai c’è la fiera delle illegalità sopratutto nei week end e ogni giorno va sempre di peggio perché chiunque si sente in diritto di aggiungere illegalità a quelle già esistenti. Sono stato per circa tre ore a girare in lungo e in largo la zona e ho trovato solo il controllo militare e scientifico dei delinquenti che gestiscono le aree pubbliche e i marciapiedi come parcheggi costringendo i cittadini a camminare per strada, hanno il controllo di tutti i venditori abusivi che agiscono nei pressi dei locali e gli spacciatori. Non ho trovato alcuna presenza delle forze dell'ordine se non un'auto della Polizia parcheggiata fuori la caserma chiusa a Piazzetta Bagnoli e una camionetta vuota parcheggiata davanti all'Arenile”.“Serve un’azione di contrasto forte da parte di tutte le forze dell’ordine per un controllo serrato delle attività e delle aree circostanti perché, al momento, la sensazione è che, nei fine settimana, lo Stato, nei fatti, lascia quel territorio nelle mani dei delinquenti o comunque di chi non ha alcun rispetto per le leggi e le regole di convivenza civile” ha aggiunto Borrelli per il quale “non si può continuare a lasciare un pezzo della città in quelle condizioni, anche per evitare che si fermi ogni ipotesi di sviluppo coordinato e sostenibile di quella zona che rappresenta un enorme potenziale economico per lo sviluppo di Napoli e dell’intera regione. I cittadini perbene sono lasciati soli al loro destino tra incivili e delinquenti”.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Lunedì 17 settembre 2018

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments