ROMA – Sono complessivamente 85.388 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 2.339. Giovedì l’incremento era stato di 2.477. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – è di 119.827. Il dato è stato fornito dalla Protezione Civile. Sono 4.068 i malati di coronavirus ricoverati in terapia intensiva, 15 in più rispetto a ieri. Di questi, 1.381 sono in Lombardia. Degli 85.388 malati complessivi, 28.741 sono poi ricoverati con sintomi – 201 in più rispetto a ieri – e 52.579 sono quelli in isolamento domiciliare.

Resta la provincia di Napoli l’area, al momento, più colpita dal Covid19: stando ai dati forniti dall’Unità di crisi regionale aggiornati alla mezzanotte di ieri su un totale di 2677 positivi, 1428 sono della provincia di Napoli; 619 a Napoli città e i restanti 809 della provincia.

Sono 14.681 i morti dopo aver contratto il coronavirus, con un aumento rispetto a ieri di 766. Giovedì l’aumento era stato di 760. Sono 19.758 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 1.480 in più di ieri. Ieri l’aumento dei guariti era stato di 1.431; 19.758 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 1.480 in più di ieri. Negli ultimi due giorni sono stati fatti 80mila tamponi. Ad oggi sono complessivamente 619.849 quelli eseguiti.

“Al momento – ha poi spiegato Borrelli parlando delle notizie emerse in merito ad un’ipotetica nuova ‘fase 2’ – c’è una sola data che è quella del 13 aprile. Oggi alcune mie parole sono state equivocate, avevo fatto un ragionamento: avevo detto che misure sarebbero state determinate in relazione all’evoluzione della situazione in atto.

Per questo motivo è difficile fare previsioni ed abbassare la guardia. Grazie – ha detto Angelo Borrelli replicando ad alcuni articoli dei giorni scorsi che hanno portato alla luce le telefonate di un funzionario del Dipartimento in relazione all’acquisto di mascherine. – al lavoro pulito e preciso dei funzionari del Dipartimento contro broker internazionali senza scrupoli che provavano a vendere di tutto e a raggirare chi venisse in contatto con loro, siamo riusciti ad evitare truffe allo Stato.

Ci tengo a precisare – aggiunge – che il lavoro fatto in questi mesi dal Dipartimento e dai miei colleghi, di cui posso andare fiero, è stato un lavoro pulito. Tra domani e domenica è in arrivo, nelle regioni più colpite, il primo contingente della task forze infermieri in Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Liguria, Marche Valle D’Aosta e Trentino Alto Adige”.

Resta la provincia di Napoli l’area, al momento, più colpita dal Covid19: stando ai dati forniti dall’Unità di crisi regionale aggiornati alla mezzanotte di ieri su un totale di 2677 positivi, 1428 sono della provincia di Napoli; 619 a Napoli città e i restanti 809 della provincia.

Il totale dei tamponi effettuati è pari a 19.237; 181 le persone decedute e 144 i guariti, di cui 66 totalmente guariti e 78 clinicamente guariti. Per quanto riguarda le altre province, questi sono i dati: Provincia di Salerno 400; Provincia di Avellino 340; Provincia di Caserta 264; Provincia di Benevento 85; altri in fase di verifica Asl 160.(ANSA)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments