5485557_672-458_resize

NAPOLI – Napoli dice addio a Mario Guida, decano dei librai italiani. Aveva 85 anni, a lui si deve la trasformazione dell’omonima casa editrice in azienda con varie sedi sparse nel territorio italiano e soprattutto è stato lui il primo in Italia a organizzare reading letterari e incontri di presentazione di libri, nella celebre saletta rossa a Port’Alba.

“La scomparsa di Mario Guida, decano dei librai italiani, priva la nostra città di un grande uomo di cultura. Ai suoi familiari va il profondo cordoglio mio personale e di tutta l’amministrazione  comunale .” E’ il messaggio di cordoglio del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris.“La morte di Mario Guida priva Napoli e l’Italia intera di un uomo di cultura che ha fatto tanto per la cultura e che, fino alla fine, ha messo l’amore per i libri al primo posto”.Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli de La radiazza per i quali “purtroppo non sono mancati i momenti di dolore per il decano dei librai italiani al quale siamo stati vicini nel tentativo di evitare la chiusura della storica sede di Port’Alba nel dicembre del 2014”.“La chiusura di quella sede lo segnò molto anche se non ha mai abbandonato quei libri che sono stati la sua ragione di vita” hanno aggiunto Borrelli e Simioli per i quali “sarà importante non dimenticare il suo impegno nella diffusione della cultura della lettura e per la stampa di testi che non avrebbero avuto possibilità di essere editati se non ci fosse stata la sua casa editrice”.

 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments