Schermata-2017-12-24-alle-10_22_16

NAPOLI – Si dichiara innocente F.P, il ragazzino 15enne fermato dalla polizia nella mattinata della vigilia di Natale,e accusato di tentato omicidio per l’aggresione al 17enne Arturo ferito a coltellate in via Foria.

Le indagini avviate il 18 dicembre dalla Squadra Mobile, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni, hanno portato all’erresto del minorenne che però fin dalle prime ore dell’arresto si è dichiarato innocente e affermando di essere a casa a quell’ora. Come alibi ha consegnato alla polizia anche le password di Facebook e il cellulare.

Stamane, dinanzi al giudice Avallone, il giovane è stato nuovamente ascoltato e verranno vagliate le due versioni quella della difesa e quella dell’accusa. Il 15enne, difeso dall’avvocato Emireno Valteroni, ha respinto le accuse sostenendo di trovarsi a casa, con la madre e altri parenti, il pomeriggio in cui è avvenuta l’aggressione. I familiari del minorenne saranno probabilmente sentiti nei prossimi giorni. A sostegno del proprio alibi, il 15enne – appartenente a una famiglia di incensurati che non ha alcun legame con il mondo della malavita – ha raccontato anche di essere stato attivo su Facebook mentre la vittima veniva brutalmente aggredita. Il 15enne ha recitato nel film di prossima uscita “La paranza dei bambini”, tratta dal libro di Roberto Saviano che racconta il mondo dei baby boss napoletani.

La giovane vittima, che era stata ricoverata in gravi condizioni e che solo da poche ore risulta fuori pericolo di vita, ha dichiarato agli investigatori che 4 ragazzi molto giovani, presumibilmente minorenni, dopo avergli chiesto l’ora ed averlo invitato a seguirli, a fronte del suo rifiuto, lo avevano aggredito; in particolare, due di loro lo avevano colpito con coltelli, mentre gli altri due svolgevano la funzione di palo. La violenta azione, che durava alcuni secondi, era terminata con la fuga degli aggressori. Le indagini, corroborate dalle immagini di alcune telecamere, dalla descrizione dei quattro malviventi fornita dalla stessa vittima e da un’intensa attività informativa sul territorio, hanno consentito di individuare uno dei predetti aggressori, il quale è stato riconosciuto in seguito a ricognizione fotografica   dalla vittima stessa, nonché da un altro giovane, anch’egli minorenne, sia tramite la ricognizione fotografica, sia nel corso di individuazione di persona, essendo stato anch’egli, poco prima, bloccato dal gruppo con il medesimo modus operandi, riuscendo però a sottrarsi alle pericolose attenzioni avendo intuito le intenzioni dei giovani. Le attività investigative proseguono senza sosta per individuare i correi del giovane destinatario del provvedimento restrittivo; in tale prospettiva, vengono diffuse, tramite i mass media,le immagini degli impianti di videosorveglianza pubblica e privata dell’area interessata dall’evento delittuoso ad oggi acquisite, tuttora analizzate dal Gabinetto Interregionale della Polizia Scientifica, al fine di raccogliere da eventuali testimoni informazioni utili allo sviluppo delle immagini.

“La notizia del fermo di uno dei presunti aggressori del giovane Arturo in via Foria è una bella risposta delle forze dell’ordine alla forte richiesta di tutela e sicurezza manifestata dai giovani studenti e dai tanti napoletani che hanno partecipato alla manifestazione di solidarietà ad Arturo di venerdì scorso. Adesso bisogna trovare e punire tutti gli altri componenti della baby gang che si è macchiata di quella vile aggressione e coloro che li hanno coperti in queste ore. Un’altra buona notizia sul fronte baby gang è il fatto che l’albero dei desideri della Galleria Umberto I è rimasto al suo posto. Tantissime le persone che, tra ieri e oggi, hanno portato un addobbo o una frase natalizia. Tra i vari messaggi un cartello di solidarietà al giovane Arturo con la scritta ‘Napoli è con te, non mollare’. Quest’ albero è  il simbolo della città che rifiuta la cultura della violenza e della sopraffazione e chiede alle forze dell’ordine e alle istituzioni un maggiore presidio del territorio”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.

{youtube}SjEo_Tt9vlo&feature{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments