Slot4

ANACAPRI- Via le slot machine da navi, traghetti e nell’intero territorio comunale di Anacapri. E’ la proposta del sindaco dell’isola azzurra Franco Cerrotta, che anche la compagnia Caremar ha deciso di appoggiare nella lotta contro le macchinette per il gioco d’azzardo.

Il primo cittadino, che aveva rivolto alla compagnia una richiesta in tal senso, ha espresso grande soddisfazione.Il Comune di Anacapri le ha vietate nel raggio di 200 metri dagli esercizi pubblici, stabilimenti balneari, palestre, luoghi di culto, eliminandone di fatto la presenza su tutto il territorio comunale. “Non posso che complimentarmi con i due amministratori delegati della società che hanno accettato la richiesta del Comune, affiancando la nostra lotta alle slot machine, e nei tempi previsti hanno rimosso le apparecchiature dai traghetti della flotta Caremar che arrivano a Capri”, ha commentato il sindaco Cerrotta. “Sono anni che denunciamo, insieme a Il Golfo e La radiazza di Gianni Simioli, la presenza di slot machine su traghetti e aliscafi che collegano Napoli e le isole del Golfo e, quindi, non possiamo che accogliere con grande soddisfazione la decisione della Caremar di rimuoverle, rispondendo positivamente all’appello lanciato dal sindaco di Anacapri, nonostante questo comporterà una notevole perdita in termini economici”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, ricordando le tante denunce fatte, “non ultima quella in cui evidenziavamo il comportamento irresponsabile di alcuni genitori che facevano giocare i bambini, anche piccolissimi, educandoli alla cultura del gioco d’azzardo che porta a conseguenze gravissime, soprattutto per i più giovani come dimostra anche il suicidio di un diciottenne ischitano nel 2013 e tanti altri casi simili”.”Chiediamo che tutte le compagnie di navigazione che operano nel Golfo di Napoli seguano l’esempio della Caremar” ha concluso Borrelli per il quale “la ludopatia, la malattia di chi non riesce a non giocare, ormai ha colpito migliaia di persone e i numeri aumentano ogni giorno di più e iniziative come queste sono fondamentali per invertire la rotta e non rovinare altre famiglie”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments