imagesS5K5N830

NAPOLI– Archiviata l’inchiesta sull’ipotesi di abuso di ufficio e di omissione di atti da parte del Sindaco Luigi de Magistris e dell’Assessore all’urbanistica Carmine Piscopo (difesi dagli Avvocati Elena Lepre e Giuseppe Fusco), originata dalla denuncia del legale rappresentante della cooperativa Napoli 2000, titolare di una concessione rilasciata nel 2009 dall’allora Commissario straordinario per il settore traffico e mobilità della città di Napoli, per la realizzazione di circa 800 box auto nella zona di piazza degli Artisti. Confermata, quindi, la correttezza dell’Amministrazione comunale nella vicenda dei box da realizzarsi in piazza degli Artisti, nell’area mercatale di via De Bustis e in via Tino da Camaino.

Legittima e non censurabile è stata valutata dal PM Sergio Amato e dal GIP Francesca Ferri l’attenzione massima posta sulla vicenda dall’Amministrazione, così come non è apparso ingiustificato e indebito il rigoroso impegno da parte dei Servizi interessati sull’osservanza delle procedure, il tutto nel rispetto delle sentenze emesse dal Tar e dal Consiglio di Stato. Corretta, pertanto, la richiesta inoltrata alla Soprintendenza, di aggiornare il proprio parere, in considerazione del lasso di tempo trascorso (oltre cinque anni dalla precedente autorizzazione), come la richiesta al concessionario di avviare la verifica di assoggettabilità alla Valutazione di impatto ambientale, atteso il numero complessivo di posti auto previsto, circa 800. Il Comune si è fatto interprete delle forti preoccupazioni connesse alla realizzazione del parcheggio e ai possibili pregiudizi dell’opera sull’ampio tessuto urbano circostante, ma anche della concreta compatibilità del parcheggio con le strategie di mobilità sostenibile perseguite dalla stessa Amministrazione.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments