12999718_10209218603366252_934991934_o

NAPOLI – ”Le gare d’appalto per la caratterizzazione dell’area interessata alla bonifica, premessa indispensabile per la bonifica stessa, partiranno entro 30 giorni con procedura europea”. Lo ha detto ai giornalisti l’ad di Invitalia, Domenico Arcuri.La Conferenza dei servizi ha incontrato una ottantina di proprietari di abitazioni nell’area della bonifica.

”Non si è parlato di espropri – hanno detto Nastasi ed Arcuri – ma è certo che prima sarà costruita l’edilizia compensativa e poi si procederà agli espropri stessi. Nessuno comunque sarà trasferito in un residence”.Rispondendo alla domanda di un giornalista Nastasi ha precisato che ”la Città della Scienza dovrà arretrare per liberare la spiaggia così come previsto dal Prg di Napoli. Sarà ricostruita com’era, ma non dov’era – ha detto Nastasi – perchè le leggi e le regole valgono per tutti”.Il borgo marinaro di Coroglio, che comprende diverse costruzioni abusive, sarà demolito.La Conferenza sui servizi su Bagnoli, che si è riunita stamattina alla prefettura di Napoli, ha approvato il piano di caratterizzazione predisposto da Invitalia e Ispra. La Conferenza è stata riconvocata per il 3 maggio per la definizione del piano di messa in sicurezza e pulizia della spiaggia di Bagnoli che – è stato confermato – sarà restituita alla città già a partire dalla prossima estate. Il Commissario per la bonifica, Salvatore Nastasi ha detto ai giornalisti che la Conferenza è stata “altamente produttiva”.Nastasi e l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, hanno smentito, parlando di “illazioni politiche”, qualunque ipotesi di rimozione solo parziale della colmata a mare.

BOTTA E RISPOSTA RENZI DE MAGISTRIS SU BAGNOLI

“Siamo stati a Bagnoli: mi piacerebbe postare il grandissimo progetto per la pulizia di Bagnoli, lasciata per anni a marcire, una schifezza voluta dall’incapacità della classe politica del passato. Per anni nessuno ha fatto niente, quelli del comune hanno fatto orecchie da mercante. Noi la cosiddetta colmata la toglieremo, grazie al lavoro del governo e del commissario Nastasi e di Invitalia sarà ripulita e restituita ai napoletani”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi nel corso della diretta Twitter e Facebook #Matteorisponde. “Sarebbe interessantissimo poi parlare di tutte le questioni aperte a partire da Pompei, Bagnoli, Nisida, Irpinia, la Napoli-Bari e le crisi industriali”. “Ci fa piacere che in campagna elettorale il Presidente del Consiglio, anzi segretario del Pd, dica che su Bagnoli ci sono stati anni di schifezza politica riferendosi evidentemente al suo partito che ha governato in quegli anni”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris replica a distanza alle parole del premier Matteo Renzi che ieri, nel corso della diretta via Facebook e Twitter di #Matteorisponde, ritornando sul tema Bagnoli ha parlato di “schifezza voluta dall’incapacità della classe politica del passato”. “Renzi dimentica che la candidata sindaco del Pd a Napoli Valeria Valente era assessore della Giunta Iervolino proprio in quegli anni di nefandezze politiche”, ha aggiunto il sindaco.(Ansa)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments