CAMERA_COMMERCIO_NAPOLI

NAPOLI – Rinnovo dei consigli camerali? Si facciano votare tutte le imprese iscritte  al Registro delle Imprese, per garantire autentica legittimità a chi ha compito arduo di offrire vere occasioni di rilancio economico del territorio. E’ quanto dichiara Sergio Passariello- Presidente di Imprese del Sud- Il sistema delle rappresentanze sindacali spesso autoreferenziali è ormai tramontato, gli accordi tra i padroni delle tessere associative, non hanno alcuna sussistenza rispetto alle necessità delle imprese napoletane che chiedono pari dignità per scegliere come investire le quote versate alle Camere di Commercio”.

Per il leader di Imprese del Sud, appare inderogabile un cambio di passo dopo gli scandali che hanno riguardato la Camera di Commercio di Napoli ed altre Camere di Commercio in Italia e che sono oggetto di inchieste giudiziarie. “L’attuale commissariamento disposto dalla Regione, offende le imprese della provincia di Napoli. Offese a chi malgrado le concrete carenze infrastrutturali, continua a credere al territorio ed investe in attività produttive e di servizio – continua Passariello – Le imprese hanno necessità di essere rappresentate da imprenditori autentici che puntino alla valorizzazione del tessuto produttivo e diano risposte alle tante esigenze ed opportunità”.  Ecco perchè da movimento meridionale, chiediamo una discontinuità nella modalità di scelta dei rappresentanti camerali. “Gli avvenimenti di questi ultimi anni hanno dimostrato che esiste una falsa rappresentanza che non fa gli interessi degli imprenditori ma che punta esclusivamente ad occupare un seggio nei CDA e che nulla ha avuto a che vedere con politiche di sviluppo e reale sostegno alle imprese – conclude Passariello – Auspichiamo che anche in considerazione delle modifiche volute dal Governo e le opportunità della programmazione europea a sostegno della piccola e media impresa, dei progetti di logistica ed infrastrutturale,  la politica decida finalmente di legiferare in proposito per una concreta discontinuità rispetto al passato. “Auspichiamo si  vada presto oltre il commissariamento della Camera di Commercio liberando le forze sane del territorio che vogliono ritornare ad avere una vera casa delle imprese e chiarezza su progetti e tempi di realizzazione”.

{youtube}1He6-jLClPk{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments