elezioni-8

NAPOLI – C’è una persona iscritta nel registro degli indagati nell’inchiesta sui canditati inconsapevoli. Si tratta di un ex consigliere comunale uscente, il cui nome resta ancora segreto.

A quanto si è appreso nei suoi confronti si ipotizza il reato di violazione della legge elettorale: avrebbe certificato alcune candidature all’insaputa degli interessati.E’ la sola iscrizione nel registro degli indagati che risulta, al momento, nell’inchiesta condotta dal pm Stefania Buda e coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino. L’inchiesta è concentrata in particolare sulla lista Napoli Vale, formazione civica a sostegno della candidata sindaco Pd Valeria Valente, nella quale sarebbero emerse finora nove casi di presunte candidature irregolari. La Valente sarà ascoltata domani in qualità di persona in formata dei fatti dal pm Buda.“Chiediamo e ci auguriamo che la Magistratura faccia al più presto chiarezza sulla vicenda dei candidati inconsapevoli di essere stati inseriti nelle liste per le comunali di Napoli della scorsa primavera e ponga fine allo stillicidio di notizie perché siamo di fronte a una vicenda grave che allarga ancor di più la distanza tra i cittadini e la politica nella quale già ci sono troppe ombre”.Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il portavoce regionale Vincenzo Peretti per i quali “quel che è successo a Napoli deve spingere i partiti e i movimenti che saranno impegnati nelle prossime scadenze elettorali, già a partire dalle comunali della prossima primavera, a tenere alta l’attenzione per evitare altre situazioni simili”.“Noi continuiamo a proporre una sorte di codice etico condiviso da tutti coloro che parteciperanno alle prossime elezioni, sia per evitare candidature all’insaputa dei candidati stessi, ma anche per impedire a persone vicine ai clan di entrare nelle aule consiliari” hanno aggiunto Borrelli e Peretti per i quali “il rischio che la camorra continui o torni a condizionare l’attività amministrativa in alcuni comuni del napoletano e del casertano”.(Ansa)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments