14859299_10211136750444377_1437724065_o

NAPOLI – “Purtroppo, come dimostra il caso dei barbacane che sorreggono il muro di contenimento del bosco di Capodimonte, per i quali sembra che ci sia finalmente una soluzione, la temporaneità, sempre più spesso, assume le caratteristiche dell’eternità”.

Lo hanno detto i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e i consiglieri comunali di Napoli, Stefano Buono e Marco Gaudini, denunciando il caso delle strutture di contenimento poste in viale dei Colli Aminei 34 per il rischio di cedimento di un muro perimetrale del parco Iacp.“Quella struttura è diventata pericolosa oltre a creare disagi perché è ormai arrugginita ed è diventata un ricettacolo di rifiuti e un ambiente ideale per topi e altri animali indesiderati” hanno denunciato i rappresentanti dei Verdi sottolineando che “a causa di quell’ammasso di ferri messi lì agli inizi del 2015, quasi due anni fa, perché i pedoni, compresi i bimbi delle scuole vicine, devono scendere dal marciapiedi e continuare a camminare lungo la strada, mettendo a rischio la loro incolumità e la sicurezza di automobilisti e motociclisti”.“Fino a questo momento, tutte le richieste e gli appelli dei residenti sono caduti nel vuoto e, per questo motivo, come gruppo consiliare dei Verdi abbiamo deciso di sostenere una battaglia sacrosanta e cercheremo di venire a capo del groviglio di competenze per capire chi deve occuparsi di mettere in sicurezza quel muro per poter poi rimuovere la struttura di sostegno” hanno concluso Borrelli, Buono e Gaudini per i quali “non si può aspettare ancora altro tempo perché è potenzialmente pericoloso”.“In attesa di interventi risolutivi, chiediamo che siano messi strutture e divisori in plastica per creare una sorta di corsia protetta che impedisca il parcheggio in quella zona e garantisca un passaggio in sicurezza ai pedoni” ha detto Paola Perna, una dei residenti che hanno firmato una petizione inviata in Comune.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments