carabinieri20arresto

SAN GENNARO VESUVIANO- Aveva preso di mira, per le sue estorsioni, la comunità bengalese di San Gennaro Vesuviano (Napoli), arrivando a incollare l’ingresso del locale adibito a moschea in modo da impedire l’ingresso ai fedeli. Angelo Di Castiglia è finito agli arresti domiciliari con l’accusa di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso: chiedeva agli immigrati una sorta di colletta, minacciandoli e dichiarandosi “il boss di San Gennaro Vesuviano”.

Le denunce presentate da alcuni bengalesi hanno dato origine all’indagine, che oggi ha visto l’esecuzione – da parte ei carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano – della misura cautelare emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda. (ANSA).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments