cis

NAPOLI – Imprenditori, esperti e giornalisti a confronto per fare il punto sulle sorti del Cis di Nola, il polo per il commercio all’ingrosso più grande d’Europa, coinvolto in una vicenda di fallimento di ben 300 imprese del Cis, travolgendo un importante settore economico del Mezzogiorno.

L’incontro è stato un appuntamento promosso da Confedercontribuenti con lo scopo di portare a conoscenza dell’opinione pubblica e delle istituzioni le drammatiche fasi che hanno condotto il polo commerciale sull’orlo della voragine finanziaria con debiti verso le banche da milioni di euro contratti dai dirigenti ma che si sono riversati sui circa 300 imprenditori che ora rischiano di perdere tutti i lori investimenti e che di conseguenza porterà a tagliare centinaia di posti di lavori.Sotto accusa sarebbero i vertici di Cis spa, in particolare il presidente che stando all’esposto presentato alla magistratura e alle forze di polizia dal presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, sarebbe il principale responsabile della grave situazione in cui versano il cis e i commercianti.Emilio D’Angelo, presidente del “Patto di sindacato”, impegnato a salvare e rilanciare il Cis.

{youtube}MH4WO827ODY{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments