movida-napoli

NAPOLI – “500 imprese lavorano nelle notti napoletane per 75 milioni di euro l’anno con almeno 1500 occupati nell’attività della notte e meritano la giusta attenzione. È un valore anche per il rilancio di alcune zone rese vive proprio per la presenza di locali, di tavolini, di un clima di festa e divertimento apprezzato molto anche dai turisti che chiedono la movida.

Vorremmo perciò una interlocuzione con il Comune al quale chiediamo un incontro al più presto. Non siamo noi il problema ma anzi noi abbiamo fatto in modo che tante zone della città siano vive e vivibili. Le questioni criminali non sono legate alla movida anzi noi siamo i primi danneggiati da risse e caos e vogliamo il rispetto delle regole e chiediamo che così come noi apriamo da oggi una sezione notte, anche il Comune si doti di un assessorato alla Notte. Faccio perciò mio lo slogan lanciato dagli esercenti: non sparate sulla notte”, ha spiegato il direttore generale di Confcommercio Pasquale Russo che oggi accoglie la nuova sezione dedicata al settore con tutti i rappresentanti delle imprese dei tanti quartieri cittadini e il testimonial dell’iniziativa Non sparate sulla notte Maurizio Capone.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments