NAPOLI – Scovare i furbetti che non pagano le mute. Da gennaio la Polizia Municipale sarà dotata di tablet e stampanti per ottimizzare l’emizzione delle sanzioni amministrative. Stamanenella Sala della Giunta di Palazzo San Giacomo alla presenza del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris è stato illustrato il processo di razionalizzazione ed ottimizzazione del procedimento delle sanzioni amministrative derivanti dalle violazioni alle norme del Codice della Strada, dei Regolamenti Comunali e delle Ordinanze Sindacali.Addio ai vecchi taccuini: dal 2 gennaio a Napoli le multe verranno elevate in digitale su un tablet che si avvarrà di una specifica app. La svolta tecnologica grazie a un bando per la semplificazione vinto da Rti Finmeccanica/Leonardo che doterà vigili urbani e ausiliari del traffico di 483 tablet in grado di garantire tempi molto piu’ rapidi nelle notifiche, e precisione nell’accertamento delle violazioni in modo da favorire un’istruttoria “a prova di bomba” che renderà inattaccabili le multe davanti al giudice di pace. Con buona pace degli avvocati.
    Il nuovo sistema, che entrerà in funzione col nuovo anno, è stato presentato oggi dal Comune di Napoli. “In questo modo – ha spiegato l’assessore al Bilancio Salvatore Palma – poniamo un freno a una serie di fenomeni legati alla mancata riscossione delle multe”. Soddisfatto il sindaco de Magistris: “Col nuovo sistema digitale puntiamo a combattere l’evasione e a un minor numero di contenziosi”.A parlarcene l’assessore Alessandra Clemente.

{youtube}LoYF9Aoh_sE{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments