elezioni-2018-partiti-urna-elettorale-ape10

NAPOLI– Alle elezioni per il rinnovo della Camera alle ore 19 ha votato il 58% degli aventi diritto (circa 4.200 comuni su 7.958). Lo si rileva dal sito del ministero dell’Interno. Alle ore 12 l’affluenza registrata è stata pari al 19,38%.

Lunghe code intorno all’ora di pranzo si stanno verificando ai seggi di Napoli, sia al centro che nelle periferie, come Ponticelli. “Ho fatto una fila di oltre un’ora”, sbotta una donna appena uscita dal seggio di Piazza del Gesù insieme alla figlia piccola. Le operazioni di voto risultano rallentate in particolare dalla nuova regola del tagliando antifrode da staccare dalla scheda: “Bisogna spiegare il nuovo sistema a moltissimi elettori – spiega all’ANSA la presidente di un seggio, al Liceo Genovesi, nel cuore della città – e molti devono tornare nella cabina elettorale perché non avevano piegato bene la scheda”. Qualche nervosismo da parte degli elettori anche per la nuova regola che prevede che sia lo scrutatore a mettere la scheda nell’urna: “Diverse persone si sono sorprese – spiega un’altro scrutatore – ma quando spieghiamo loro la nuova legge e vedono che quando ci consegnano la scheda la mettiamo nell’urna sotto il loro sguardo si tranquillizzato”.Cori da stadio per il candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, davanti alla scuola di via Pertini a Pomigliano d’Arco (Napoli) dove si è recato a votare nel seggio numero 18 del plesso “Sulmona”. Al grido “presidente, presidente”, una folla di cittadini ha accolto l’arrivo di Di Maio rendendogli difficoltoso il tragitto fino al seggio. “È sempre un’emozione essere qui – ha detto Di Maio – c’è gente che per cinque anni ha lottato per cambiare le cose, che hanno fatto un vero percorso con noi”. Il candidato premier si è messo in fila insieme ad un gruppo di cittadini e di supporter che gli chiedevano di scattare selfie insieme.Due elettori sono stati denunciati dopo aver fotografato le schede sulle quali avevano apposto il loro voto. Il primo fatto è successo a Qualiano (Napoli). Nel seggio è stato sentito il rumore del clic della fotocamera digitale. Il presidente della sezione ha chiesto l’intervento dei Carabinieri: un uomo aveva fotografato le sue schede votate, quelle per la Camera e il Senato. A Striano, invece, è stata sorpresa a fotografare la scheda una donna. Anche in questo caso intervento dei Carabinieri e denuncia.Una donna, scrutatrice in un seggio, ha messo a soqquadro una sezione elettorale di Arpino di Casoria, in provincia di Napoli. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, intervenuti sul posto su richiesta del presidente di seggio, la donna ha improvvisamente iniziato a inveire contro i presenti e poi ha strappato l’elenco degli aventi diritto al voto. I militari l’hanno fermata e – riferiscono fonti dei Cc – portata in ospedale per accertare le sue condizioni di salute.Disagi a Soccavo, quartiere ad ovest di Napoli, per chi aveva smarrito la tessera elettorale. Gli elettori che volevano denunciare lo smarrimento della tessera che dà diritto al voto erano molto numerosi. La denuncia va fatta alla polizia municipale ma nella sede della Municipalità Soccavo si è rotta la fotocopiatrice usata per fare le copie dei modelli d…a riempire per denunciare lo smarrimento ed ottenere un duplicato della tessera. Alcuni esponenti di centrodestra denunciano la formazione in tarda mattinata di lunghe code di persone in attesa. Il problema, riferisce il capo della Municipale Ciro Esposito, è stato poi risolto da un agente della municipale stessa che ha preso la propria auto ed andato in un’atro ufficio del Comune al Parco Quadrifoglio per fotocopiare i moduli e portarli nella sede della Municipalità, risolvendo così il problema senza ulteriori disagi per gli elettori. Esposito precisa anche che il disagio è stato minimo per gli elettori. (ANSA)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments