incendi-vigili-del-fuoco-elicottero

NAPOLI – Un intervento immediato della Regione a tutela delle imprese a rischio alle falde del Vesuvio. È quanto richiesto con forza ieri dalla delegazione della Confcommercio Provinciale di Napoli guidata dal direttore generale Pasquale Russo, che ha incontrato l’assessore alle Attività Produttive della Regione Campania Amedeo Lepore, per un confronto sugli effetti devastanti che l’emergenza incendi sul Vesuvio sta causando alle aziende turistiche, commerciali e di trasporto che operano nell’area interessata dai roghi, e per sollecitare l’intervento della Regione a sostegno delle imprese coinvolte.

Un apprezzamento, dunque, alla Regione che ha immediatamente accolto l’appello predisponendo interventi a favore delle imprese danneggiate dai roghi.Secondo le prime rilevazioni parziali della Confcommercio provinciale, oltre cento aziende operanti alle pendici del Vesuvio, nella fascia da Ercolano a Terzigno, hanno subito un blocco totale dell’attività per l’inaccessibilità delle strade, ed in molti casi anche notevoli danni materiali causati dagli incendi. Ad essere particolarmente colpita è la filiera alberghiera e della ristorazione, che è stata letteralmente desertificata; moltissimi i casi di eventi e cerimonie annullati all’ultimo momento, con mancati incassi quantificabili in centinaia di migliaia di euro.La situazione è destinata ad aggravarsi se, come pare inevitabile per molte aziende, la stagione estiva risultasse definitivamente compromessa.Preoccupano fortemente i possibili riflessi sull’occupazione, stimata in oltre mille unità compreso l’indotto, la cui tenuta sarebbe fortemente a rischio se l’attività delle imprese non potrà tornare in tempi brevi al livello ordinario.La Giunta regionale, nel prendere atto dei dati drammatici forniti dalla Confcommercio, su proposta del presidente De Luca e dell’assessore Lepore, ha confermato l’impegno a valutare in tempi brevi le misure possibili per sostenere la ripresa delle attività imprenditoriali.Intanto, la Confcommercio provinciale ha scritto al Prefetto di Napoli, chiedendo di porre in atto un intervento straordinario di monitoraggio del territorio per fermare la proliferazione degli incendi dolosi, anche utilizzando l’esercito. Infatti, gli sforzi straordinari della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco e delle Forze dell’Ordine non potranno essere sufficienti se non vi saranno forze sufficienti per controllare il territorio e bloccare la strategia criminale che sta alla base degli incendi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments