3387831_0701_ste_jpg_pagespeed_ce_lqWxzrvLo7

NAPOLI– Quasi trenta colpi di arma da fuoco sono stati esplosi la scorsa notte, poco prima dell’una, in via Ravello, tra San Giovanni a Teduccio e Barra, alla periferia di Napoli: molto probabilmente si tratta di una ennesima ‘stesa’, vale a dire di colpi esplosi ad altezza d’uomo.

L’allarme alla Polizia lo ha dato un uomo, incensurato, che abita al secondo piano di uno stabile che si trova in quella strada, dopo che il vetro del suo balcone è stato rotto da uno dei proiettili. Sul posto, in seguito ai rilievi, sul manto stradale sono stati rinvenuti 26 bossoli calibro 9×19. Non risultano persone ferite né telecamere in zona.

“Bisogna dare una risposta forte per evitare che i clan riprendano a mostrare la loro forza con le stese, mettendo a rischio la vita di innocenti che nulla hanno a che fare con le logiche criminali della camorra”.

 

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “sono necessari interventi straordinari che prevedano anche un uso più massiccio dell’esercito, anche con un cambio delle mansioni perché non ci si può limitare a una presenza che, spesso, s’è rivelata inutile anche per combattere quelle illegalità diffuse che concorrono a formare quel clima di impunità nel quale cresce la forza dei clan che appaiono davvero intoccabili”. (Ansa)

{youtube}uyJyKsvl8wo{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments