Sassaiola-contro-un-bus-Anm-650x250

NAPOLI – Paura a bordo di un bus dell’Azienda Napoletana Mobilità, preso di mira all’alba da una sassaiola da parte di un gruppo di ragazzini. Il mezzo della linea notturna 455, partito alle 4,30 da Torre Annunziata (Napoli) per raggiungere la stazione centrale del capoluogo partenopeo, giunto in Corso San Giovanni, all’altezza della Croce Rossa, periferia di San Giovanni a Teduccio, è stato raggiunto da un fitto lancio di sassi ad opera di una baby gang composta da 5-6 ragazzini.

Una delle pietre lanciate è riuscita a oltrepassare l’intero abitacolo del bus, mandando in frantumi due vetri. Grande spavento a bordo per i pendolari che all’alba si stavano recando a lavoro. Fortunatamente nessuno si è trovato sulla traiettoria della pietra.”L’ennesima bravata ad opera di piccoli delinquenti – dice Adolfo Vallini, sindacalista dell’Usb – un altro attentato alla sicurezza dei trasporti. Il territorio necessita di maggiore controllo da parte dello Stato a tutela dei cittadini e degli operatori del settore”.

“La sassaiola contro l’autobus dell’Anm al corso San Giovanni conferma le tante segnalazioni che ci sono arrivate in questi giorni per segnalare che, tra San Giovanni e Barra, ci siano diverse baby gang guidate da figli di camorristi, alcuni dei quali, agli arresti domiciliari, userebbero quei ragazzini per continuare a mostrare la loro forza sul territorio”.

 

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “dopo l’inaccettabile immobilismo dei mesi scorsi, sembrava che, dopo il vertice con il ministro degli Interni, Minniti, in Prefettura, si volesse cominciare a contrastare sul serio questo fenomeno, ma i fatti dimostrano che non è andata così e che ancora non si sta facendo quel che si dovrebbe”.

 

“Allora davvero aspettano una tragedia prima di intervenire?” si chiede Borrelli ricordando che “sono già troppi i ragazzini massacrati dalle baby gang che porteranno sul corpo e nella mente le conseguenze di quei minuti di terrore in cui hanno rischiato di essere uccisi”.(ANSA)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments