vettura-carabinieri-640x380

SANT’ANTIMO- Raid dinamitardo la scorsa notte a Sant’Antimo in provincia di Napoli. Sconosciuti hanno fatto brillare una bomba davanti la saracinesca del supermercato Deco in via Aldo Moro.Il boato ha gettato nel panico la cittadinanza. Numerose le telefonate ai carabinieri che sono giunti sul posto.

Si tratterebbe del quinto ordigno fatto detonare a Sant’Antimo nell’arco di pochi mesi. Dopo i numerosi arresti effettuati nella zona, che hanno ridotto notevolmente la presenza della vecchia camorra, ora nuovi malviventi si stanno facendo avanti per scalare la gerarchia criminale, e a tal scopo stanno compiendo veri e propri atti terroristici. Sull’accaduto è intervenuto il sindaco Aurelio Russo: “L’esplosione che la scorsa notte ha divelto la saracinesca del supermercato Decò di Via Aldo Moro è l’ennesimo episodio allarmante, che si verifica a Sant’Antimo, sul fronte dell’emergenza sicurezza. Gli inquirenti faranno luce sull’accaduto.Questa bomba, però, non può e non deve farci pensare che si tratti solo ed esclusivamente di un fenomeno legato al racket delle estorsioni.Quanto sta accadendo in città ha contorni inquietanti.Al titolare dell’esercizio commerciale colpito esprimo la mia personale solidarietà e quella dell’Amministrazione tutta, così come ai cittadini residenti nelle vicinanze del luogo dell’evento, che hanno vissuto ore di paura ed angoscia.È necessario che la Sant’Antimo onesta, perbene ed operosa perseveri senza tentennamenti ponendo in essere condotte di contrasto ad ogni forma di illegalità.Ma non basta.Siamo stanchi. Sono stanco.Pur ringraziando le Forze dell’Ordine presenti sul territorio per l’encomiabile lavoro che svolgono, quotidianamente e con i pochi mezzi a disposizione, non  posso, tuttavia, esimermi dal chiedere espressamente, al Ministro dell’Interno Minniti, un’attenzione maggiore per allarme sicurezza della nostra città.La gravità della situazione che stiamo vivendo non ammette defezioni.A questo punto Sant’Antimo merita un intervento autorevole del Ministro, che invitiamo a non voltarsi dall’altra parte”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments