responsabili_farmacovigilanza

NAPOLI – Promozione del corretto uso dei farmaci in base ”a rigorosi protocolli scientifici”, ottimizzazione del ”flusso di segnalazione delle reazioni avverse ai farmaci” da parte dei pazienti ai medici e da questi agli uffici tecnici della Regione al fine di ”migliorare la qualità dell’assistenza, contenere la spesa e ridurre il contenzioso medico legale”.

Ed ancora: ”Formare i primari delle aree mediche e chirurgiche di Asl e ospedali e i coordinatori infermieristici delle Aziende sanitarie campane sul fronte della farmacovigilanza”.Sono questi, rileva una nota, gli obiettivi di un progetto formativo di risk management e farmacovigilanza messo in campo dal Dipartimento di Scienze biomediche avanzate dell’Università Federico II di Napoli (direttore Claudio Buccelli) in collaborazione con la Regione. L’Università Federico II cura la progettazione e la realizzazione del corso.Responsabile scientifico del progetto è il professor Massimo Niola, associato di Medicina legale e direttore della Scuola di specializzazione in Medicina Legale della Federico II.Il progetto, che propone, ”un’innovativa metodologia operativa di risk-management per il contenimento della spesa da eventi avversi causati dall’impiego dei farmaci”, è stato presentato a Napoli nella sala conferenze della casa editrice Idelson Gnocchi in via Pietravalle.Tra o relatori gli interventi di Paola Frati (Ordinario di medicina legale all’Università di Roma La Sapienza) e Mariano Cingolani (Ordinario di Medicina Legale all’Università degli studi di Macerata).

{youtube}5hcBNRpbjRI{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments