crescenzio_sepe

NAPOLI – Domenica 21 maggio la comunità cattolica cinese in Italia si è riunta a Napoli, nella parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli al Museo, per celebrare la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina.

La Giornata è fissata al 24 maggio, festa liturgica di Maria Ausilio dei cristiani, tuttavia la celebrazione è stata anticipata per favorire la partecipazione dei fedeli.Durante la solenne concelebrazione eucaristica in italiano e cinese, presieduta dal cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, e animata dalla comunità cinese, si è pregato per diverse intenzioni: perché la Chiesa “possa predicare il Vangelo in ogni angolo delle terra con verità e vigore”; perché il Signore doni a tutti i Vescovi della Cina “una fede salda” perché siano “consapevoli di condurre il gregge che Dio ha loro affidato”; per tutto il popolo cinese, perché “accolga presto la fede nel Cristo”; per tutti i fedeli cinesi che vivono in Italia ed i loro connazionali, perché “colgano l’opportunità del loro stato di immigrati per avvicinarsi alla conoscenza della nostra fede”.La “Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina” è stata istituita da Papa Benedetto XVI dieci anni fa, nella Lettera inviata ai cattolici cinesi il 27 maggio 2007, solennità di Pentecoste, con queste parole: “Carissimi Pastori e fedeli tutti, il giorno 24 maggio, che è dedicato alla memoria liturgica della Beata Vergine Maria, Aiuto dei Cristiani – la quale è venerata con tanta devozione nel santuario mariano di Sheshan a Shanghai -, in futuro potrebbe divenire occasione per i cattolici di tutto il mondo di unirsi in preghiera con la Chiesa che è in Cina”. Oltre che in Cina, la Giornata viene celebrata dalle diverse comunità della diaspora cinese sparse nel mondo, in unione con la Chiesa universale e con il Successore di Pietro.

{youtube}9lO5ruhRhnA{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments