foto_donatella_donadio

NAPOLI – «Pene severissime per chi distrugge la fauna marina come i pescatori di frodo e i datterari».A dirlo è l’ex consigliera comunale di Sant’Antonio Abate e leader del gruppo «Oltre»

, Donatella Donadio commentando l’operazione della Polstrada di Angri e della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia che ha portato al sequestro di 40 chili di frutti di mare proibiti.«Il mare è fonte di vita – ha aggiunto – ed è anche un importante asset per la nostra economia, è una risorsa per uomini e imprese. Saccheggiarlo, distruggerlo con minicariche esplosive o con bombe di profondità significa compromettere ben più di un tratto di spiaggia o un costone di roccia».«Il rilancio del comprensorio sud della provincia di Napoli a livello turistico non si lega solo alla buona reputazione dei percorsi enogastronomici, alle bellezze naturali e al suo passato storico-archeologico – ha concluso la Donadio – ma anche al modo in cui viene tutelato e salvaguardato l’habitat. Le Istituzioni e i cittadini possono fare molto per rafforzare una nuova coscienza civica».

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments