CASERTA– Beni per due milioni e mezzo di euro sono stati sequestrati dal Ros dei Carabinieri ad esponenti della fazione del clan dei Casalesi capeggiata da Michele Zagaria. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Dda. Dopo gli arresti nei mesi scorsi di politici e colletti bianchi, tocca ora all’immenso patrimonio accumulato dall’ala più imprenditoriale del clan dei Casalesi finire nel mirino della magistratura.

Il sequestro riguarda gli indagati Angelo Bamundo, Carlo Bianco, Michele Fontana, Tommaso Tirozzi e Nicola Vittorio: sette abitazioni, alcune ubicate in località balneari, un’auto, tre esercizi commerciali operanti nel settore della ristorazione e delle scommesse e sei conti corrente e libretti al risparmio. La misura è scattata grazie agli elementi raccolti nell’ultima parte dell’indagini sul clan Zagaria che a maggio scorso, nell’ambito dell’operazione “Zenit” che portò all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 11 persone.(ANSA)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments