IMG-20160114-WA0011

NAPOLI – “Dobbiamo riappropriarci di Forcella perché i delinquenti ormai hanno il predominio assoluto in quel quartiere e impongono la loro volontà sempre e comunque, giusto per far capire chi è che comanda lì”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli, conduttore de La radiazza, denunciando che, stamattina, l’imprenditore Roberto Fogliame, mentre era intento a sistemare le aiuole fuori al Trianon, è stato avvicinato da alcune persone che gli hanno imposto di dargli un paio di piantine che stava piantando”.“Fogliame si è subito mostrato disponibile dicendogli che le avrebbe portate nel pomeriggio, in occasione della manifestazione che si terrà alle 17.30 in piazza Calenda, ma, a quel punto, hanno cambiato atteggiamento e hanno detto che se non gli avesse dato, subito, alcune piantine da portare agli amici, nel pomeriggio non ne avrebbe trovata neanche una” hanno aggiunto precisando che “l’imprenditore ha ceduto al ricatto ed è andato poi a comprare altre piantine per rispettare l’impegno preso: risistemare quelle fioriere abbandonate per rendere un piccolo omaggio a Maikol”.“L’episodio dimostra, per l’ennesima volta, che Forcella ha bisogno del Trianon, dell’Ascalesi e di altre strutture che possano portare gente in quel quartiere che, se è lasciato solo, finirà definitivamente nelle mani della delinquenza, quella stessa delinquenza senza scrupoli che ha ucciso il giovane Maikol, colpevole solo di trovarsi lì e di essere stato scambiato per il vero obiettivo dei killer” hanno concluso Borrelli e Simioli

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments