8

NAPOLI – “Il monte Echia, un simbolo storico di Napoli, ormai rappresenta un pericolo e, come denunciamo da anni, bisogna finire al più presto i lavori per evitare che possa creare danni seri o una vera e propria tragedia”.A lanciare l’allarme il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, insieme ai consiglieri della prima Municipalità, Benedetta Sciannimanica e Gianni Caselli, per i quali “non bisogna perdere altro tempo per evitare che frani del tutto e in questo senso, c’è da sottolineare che, proprio qualche giorno fa, la Giunta ha approvato una variazione di bilancio che ha permesso di recuperare anche risorse da mettere a disposizione per completare i lavori di riqualificazione del Monte Echia e la realizzazione di un ascensore che permetta di raggiungere il belvedere”.“Tutto dovrebbe essere pronto per la prossima primavera, ma, intanto, bisogna subito verificare la sicurezza dell’area, a cominciare da quella gru che svetta minacciosa da anni nonostante i lavori siano ormai fermi da tempo e ci auguriamo che, dopo il sopralluogo dei tecnici di questa mattina per i primi interventi, si proceda speditamente” hanno aggiunto i rappresentanti dei Verdi sottolineando che “per il cedimento di ieri e la successiva chiusura di via Chiatamone si è stati costretti anche a riaprire una parte del lungomare, aggiungendo un ulteriore danno e altri disagi a napoletani e turisti”.

 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments