NAPOLI – L’Università degli Studi di Napoli – Federico II e Avio Aero rafforzano la loro pluriennale collaborazione e, grazie all’integrazione tra mondo accademico e realtà industriale, arricchiscono il piano didattico  dei  corsi  di Ingegneria  Meccanica  dell’ateneo  partenopeo con l’esperienza  e le conoscenze  nel  campo dell’advanced manufacturing messe a disposizione  dall’azienda leader nella progettazione, produzione  e manutenzione di componenti e sistemi per l’aeronautica civile e militare.

«Quella con l’Università degli Studi di Napoli – Federico II è da sempre una collaborazione preziosa per la nostra azienda, per il territorio campano e per l’intero comparto industriale», ha detto Barbara Preti, Direttore delle Risorse Umane di Avio Aero. «In particolare in questa occasione, lavorare insieme  assume un’importanza cruciale, perché  qui si pongono le basi per coltivare competenze indispensabili per affrontare le sfide produttive in settori altamente tecnologici come quello aeronautico, ma non solo. È qui che si creano le specializzazioni che servono per il futuro».«La collaborazione con Avio Aero rappresenta una manifestazione significativa – ma non episodica – di una più generale attenzione che la Scuola Politecnica  e delle Scienze di Base dell’Ateneo  Fridericiano  rivolge alla revisione dei propri percorsi formativi. Si parte dalle solide basi metodologiche e culturali che hanno caratterizzato da sempre la formazione dell’Ingegnere Fridericiano per tenere conto delle mutate  esigenze che moderne realtà produttive pongono in termini di attitudini e competenze professionali. Maggiore latitudine culturale e integrazione disciplinare, una rinnovata sensibilità verso la cultura dell’innovazione, una migliore conoscenza dei contesti aziendali, una più spiccata attitudine al problem solving », ha sottolineato il prof. Piero Salatino, Presidente della Scuola Politecnica e delle  Scienze di Base dell’Ateneo.«Nel quotidiano di Avio Aero, la quarta rivoluzione industriale sta cominciando  nelle Operations – ha dichiarato Riccardo  Procacci,  Presidente e Amministratore delegato  di Avio Aero – attraverso  quella  che è stata chiamata Brilliant  Factory,  la  Fabbrica  Intelligente,  un luogo di produzione  che può  continuamente  auto-migliorare  i propri prodotti e processi, tramite la raccolta, la trasmissione e l’analisi di dati in tempo reale. Perché questa visione diventi realtà, è necessario favorire un ecosistema composto  da progettisti di prodotto, ingegneri di produzione  e operatori di stabilimento che dialoghino  costantemente  e collaborino su piattaforme in grado di simulare virtualmente il processo produttivo  e il prodotto stesso in forma digitale, senza maneggiare materiali o macchinari. I nostri modelli educativi devono dunque evolvere allo stesso passo. La collaborazione tra Avio Aero e la Federico II di Napoli, tra industria e accademia,  è un  passo di straordinaria importanza che va esattamente in questa direzione: un contributo concreto alla formazione dei professionisti che renderanno grande la nostra industria».«La Federico II è una Università antica, tra le più antiche del mondo, che ha saputo capitalizzare il patrimonio cumulato di generazioni di docenti e ricercatori di elevata qualificazione, ma che mantiene alto il livello di attenzione alla innovazione dei propri processi formativi, stimolata dalle sollecitazioni del mondo produttivo  e dai feedback dei tanti illustri laureati fridericiani  che operano in Italia  e nel mondo.  La partnership con Avio Aero è un risultato tangibile e lusinghiero di questo processo, del tutto congruente con l’impegno della Federico II nello sviluppo dei nuovi paradigmi produttivi dell’Industria 4.0 », ha concluso il prof. Gaetano Manfredi, Rettore dell’Ateneo Fridericiano.Le  caratteristiche  del  nuovo  percorso  di studio  nella  Laurea  Magistrale  in Ingegneria  Meccanica  per  laProgettazione  e la Produzione  lo rendono particolarmente interessante in tutti gli ambiti del manifatturiero avanzato, enon solo in quello aeronautico. In collaborazione con l’azienda si svolgeranno tra l’altro interventi seminariali in aula,laboratori, stage e tesi di laurea.All’incontro  di presentazione  sono intervenuti  anche il Prof. Luigi Carrino   Presidente del  CIRA  e del  Distretto Aeronautico Campano, il Prof. Antonio Moccia Direttore del Dipartimento di Ingegneria Industriale – Università degli Studi di Napoli Federico, il Prof. Antonio Langella – Coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica per la Progettazione e la Produzione e l’Ing. Gaetano De Chiara, Frame & Combustor Chief Manufacturing Engineering di Avio Aero.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments