DIRIGENTE_NOLA

NOLA- “E’ un ospedale di frontiera, che ha un’utenza enorme, che è sempre riuscito a far fronte alle emergenze. In questo caso si è verificato un evento eccezionale. Così la dirigente dell’Asl Napoli3, Antonietta Costantini, interviene sul caso mediatico dei pazienti curati sul pavimento dell’ospedale di Nola.”Medici, infermieri ed operatori che operano in queste condizioni sono eroi.

Eroi che fanno il proprio lavoro e quando arriva un malato hanno il diritto ed il dovere di curarlo. Ritengo invece che vedere pazienti sdraiati a terra è il segno di un fenomeno di un problema organizzativo su cui deve esser fatto un chiarimento molto serio perché nella regione Campania i piani sono stati fatti e gli atti amministrativi anche e le reti sono state disegnate”.Così il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha commentato il caso, a margine della presentazione dei dati sui trapianti e donazioni organi in Italia.”Poi – ha aggiunto – sta a chi le deve realizzare e monitorare verificare che ciò venga fatto bene e nel modo più appropriato. Fra l’altro, le crisi dei picchi influenzali li conosciamo in grande anticipo”.Dopo l’accesso dei Nas e la visita del commissario Joseph Polimeni, il ministro attende una relazione dettagliata sul caso Nola. “Ho chiesto un resoconto dettagliato ai commissari di Governo che arriverà nel pomeriggio – ha detto la Lorenzin – ma i Nas sono già andati ieri e hanno verificato che ci sono problemi organizzativi, quindi mi aspetto dalle autorità preposte della Campania che lavorino sulla attuazione dei piani. Non bisogna fare cose eccezionali ma normali”.

{youtube}oJ-sX5g7y1Y{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments