NAPOLI – Nella mattinata odierna la Polizia di Stato di Napoli ha proceduto all’arresto di Patricelli Mario nato a Napoli il 02.04.1958 e al fermo di indiziato di delitto di Strazzullo Enrico nato a Napoli il 30.09.1961 perché ritenuti responsabili del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

In particolare, il 21 marzo u.s., un imprenditore edile e il responsabile di uno dei suoi cantieri, impegnato in un lavoro di ristrutturazione e rifacimento di un palazzo ubicato nella zona di Chiaia, denunciavano un tentativo di estorsione posto in essere da due persone che nella stessa mattinata si erano presentati richiedendo denaro “per gli amici della Torretta” che sarebbero poi passati a ritirare nella mattinata successiva. Il personale della Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile, alla luce di quanto denunciato, e sulla scorta di elementi indiziari particolarmente circostanziati, predisponeva per la data odierna un mirato servizio di osservazione e appostamento presso il cantiere suddetto e, alle 10.40 circa circa bloccava Patricelli Mario nella flagranza del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Poco dopo veniva rintracciato Strazzullo Enrico, autore materiale della esplicita richiesta estorsiva del giorno precedente, nei pressi della sua abitazione. Il medesimo veniva sottoposto a fermo di indiziato di delitto per il medesimo reato del complice. I due arrestati, ritenuti contigui al clan camorristico della Torretta, facente capo a Piccirillo Rosario, allo stato detenuto, annoverano entrambi precedenti penali ed di polizia per associazione a delinquere di stampo mafioso, oltre che per il medesimo reato di estorsione aggravata. Ultimate le formalità di rito, i due sono stati associati alla Casa circondariale di Secondigliano a disposizione dell’A.G.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments