NAPOLI – Anna De Muro, pregiudicata di 30 anni, dal 21 gennaio 2017, dopo essere stata scarcerata, stava scontando la misura degli arresti domiciliari, perché arrestata in flagranza, nell’ottobre 2015, per il reato inerente gli stupefacenti.La donna, infatti, dapprima fu sorpresa con la sorella del capo clan Elia, mentre confezionavano dosi di droga al Pallonetto di S. Lucia e, successivamente, presso la sua abitazione ai Quartieri Spagnoli.La 30enne, l’8 marzo scorso, è stata denunciata, in stato di libertà, dagli agenti del Commissariato di Polizia “Montecalvario”, perché evasa dalla misura alla quale era sottoposta.Nel pomeriggio di ieri, i poliziotti del Commissariato Montecalvario, l’hanno nuovamente arrestata, in quanto il GIP del Tribunale di Napoli, revocava la misura alla quale era sottoposta, in virtù dell’evasione commessa e per il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso, ordinandone l’accompagnamento in carcere.I poliziotti, infatti, hanno condotto la donna alla Casa Circondariale di Pozzuoli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments