1497663232-0-mazara-capitaneria-lancia-loperazione-mare-sicuro

NAPOLI – Si chiama “Mare Sicuro” ed è ormai una tradizione nel calendario degli impegni estivi della Guardia Costiera. La complessa operazione, soprattutto di prevenzione a tutela dell’incolumità dei bagnanti, di difesa dell’ambiente marino ed a garanzia della sicurezza di quanti vanno per mare, è stata illustrata dall’ammiraglio Arturo Faraone nella sala conferenze della Lega Navale di Napoli al Molosiglio, presieduta dall’avvocato Alfredo Vaglieco.

Per l’occasione si è tenuta la Giornata della Sicurezza in Mare che ha visto la partecipazione delle unità navali e del nucleo operatori subacquei della Guardia Costiera, di personale dei Vigili del fuoco, del centro sub Sant’Erasmo – Protezione civile e della Croce Rossa Italiana.Illustrato l’utilizzo in campo nautico delle principali dotazioni di sicurezza di bordo con dimostrazioni circa il loro impiego inclusa una simulazione di estinzione di principi d’incendio. La manifestazione è stata completata con l’esercitazione di recupero di uomo in mare e di intervento di operatori subacquei all’interno di imbarcazione da diporto capovolta.

Proprio la stagione estiva, infatti, rappresenta il momento di massimo utilizzo del mare e delle coste ad opera della collettività ed il personale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera è chiamato ad assolvere il delicato compito di supervisore discreto, ma sempre presente, che garantisce lo svolgimento sereno ma sicuro delle attività balneari da parte dell’utenza del mare e, nel caso occorra, di severo tutore dell’ordine nei confronti dei comportamenti pericolosi ed illeciti.

 

In tale contesto viene ribadita quotidianamente, dalla testimonianza degli innumerevoli interventi di soccorso “di prossimità” all’interno della fascia costiera, la vocazione del Corpo delle Capitanerie di Porto verso la salvaguardia della vita umana in mare: i comportamenti ritenuti “pericolosi” che vengono posti in essere con l’inosservanza delle più elementari norme di sicurezza e l’imprudente comportamento in mare di bagnanti e diportisti, sono spesso la principale causa degli incidenti, dalle conseguenze a volte gravi.

 

L’operazione “MARE SICURO 2017” prevede la presenza di personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera nei periodi di maggior afflusso lungo tutte le coste della Regione, con particolare attenzione ai siti considerati “sensibili” a causa della maggior affluenza turistico balneare.

 

Il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera – ha individuato nel 17 giugno la data d’inizio dell’operazione “Mare sicuro 2017”.

 

Nel dettaglio, in tutta la Regione verranno giornalmente impiegati in media circa 100 militari tra uomini e donne e un numero totale di 48 unità navali  impegnate lungo tutti i 523 Km di costa della regione Campania,  che con il supporto di un elicottero G.C. nella parte centrale della stagione estiva , avranno il compito di:

 

Ø  Prevenire e, quando necessario, reprimere i comportamenti che rappresentano un pericolo per la vita umana in mare;

 

Ø  Controllare/verificare che l’utilizzo delle moto d’acqua non arrechi pericolo e disturbo ai bagnanti;

 

Ø  Vigilare affinchè le zone di mare riservate in via esclusiva alla balneazione siano rispettate dalle unità da diporto;

 

Ø  Verificare gli apprestamenti di sicurezza degli stabilimenti balneari (pattino di salvataggio, presenza del bagnino ecc.) nonché dei corridoi di lancio e delle boe delimitanti le acque riservate alla balneazione;

 

Ø  Verificare il posizionamento, a cura delle Amministrazioni/Enti competenti, di cartelli monitori sulle spiagge libere, in particolare in quelle altamente frequentate, indicanti eventuali limitazioni alla balneazione sicura;

 

Ø  Dare ausilio alle manifestazioni sportive che si svolgeranno nelle nostre acque.

 

Sarà, inoltre, offerto un servizio per la divulgazione a favore della collettività di notizie in materia di nautica da diporto, patenti nautiche, regolamentazione delle aree marine protette e delle ordinanze balneari. Tale servizio è particolarmente necessario in quanto ogni estate continuano a ripetersi incidenti in mare con cause che, spesso, possono essere ricondotte all’imprudenza o alla scarsa conoscenza delle basilari norme che vigono in mare.

 

Il quadro normativo è consultabile direttamente sul sito www.guardiacostiera.gov.it/ (località di interesse).

 

Si ricorda, inoltre, la possibilità di comunicare, attraverso il Numero Blu 1530, con la sala operativa del Comando delle Capitanerie più prossimo alla località da cui viene effettuata la chiamata di emergenza, anche se quest’ultima proviene da telefonia mobile.

 

Il servizio sopra menzionato si pone l’obiettivo di ridurre e ottimizzare i tempi d’intervento, e consentirà al personale appartenente al Comando che operativamente interverrà per l’emergenza, di rispondere alla chiamata di soccorso senza dover transitare attraverso un preliminare accentramento delle comunicazioni presso il Comando Generale di Roma.

 

La Capitaneria di Porto – Guardia Costiera della Campania è pronta per affrontare inoltre il gravoso impegno che si articolerà, tra l’altro, nelle delicate fasi dei controlli in materia di sicurezza della navigazione a bordo dei traghetti, aliscafi e altri mezzi veloci adibiti al trasporto passeggeri, che effettuano collegamenti marittimi con le isole del golfo e le località di maggior pregio turistico.

 

Anche quest’anno continueranno le peculiari iniziative e collaborazioni poste in essere al fine di tutelare il valore storico, archeologico-ambientale e culturale di aree particolarmente pregevoli, di cui è ricco il territorio Campano, quali i Parchi Sommersi e le Aree Marine Protette.

 

Per quanto concerne le unità da diporto, anche quest’anno si prevedono delle attività di controllo dei documenti di bordo e delle dotazioni di sicurezza che, in caso di esito positivo, porterà al rilascio dell’ormai noto (e ambito per alcuni diportisti virtuosi) “BOLLINO BLU”. Tale bollino, apposto in modo ben visibile sull’unità, consentirà di procedere a controlli più snelli in caso di verifiche successive.

 

Nella giornata odierna, inoltre si è svolto il consueto appuntamento con la  “giornata della sicurezza in mare”.

 

All’evento hanno partecipato, alla presenza del Direttore Marittimo della Campania, Ammiraglio Arturo  Faraone, e del Presidente della Lega Navale Italiana di Napoli,  Avv. Alfredo Vaglieco, personale del reparto operativo e delle Unità Navali della Capitaneria di porto di Napoli, operatori del comando provinciale dei VVF. di Napoli subacquei del centro sub Sant’Erasmo e della Croce Rossa Italiana.

 

Nel corso della manifestazione sono stati  illustrati i compiti e le attività in materia di vigilanza in mare e ricerca e soccorso  della Guardia Costiera.

 

Sono state fornite informazioni dettagliate sulle dotazioni di sicurezza da tenere a bordo delle unità da  diporto in funzione della tipologia di navigazione, dimostrandone, nel contempo, il corretto utilizzo. Personale dei VVF ha illustrato il corretto uso degli estintori e le regole per fronteggiare un principio d’incendio a bordo.

 

Sono state altresì effettuate con l’impiego di unità navali della Guardia Costiera dimostrazioni di apertura zattere di salvataggio e recupero naufraghi, congiuntamente ad operatori del Centro Sub Sant’Erasmo – Protezione Civile ed è stata data, inoltre, dimostrazione delle manovre di rianimazione da parte del personale della C.R.I..

 

Nel ricordare che il “Numero Blu 1530” per l’emergenza in mare è sempre attivo sul territorio nazionale gratuitamente per il cittadino, si ribadisce che un’estate serena e felice nasce dal rispetto di poche ma essenziali regole.

 

{youtube}5wQI1o_qB_g{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments