La-sede-del-Comune-di-Napoli-Imc

NAPOLI – Annunciano un sit-in ad oltranza davanti a Palazzo San Giacomo gli operatori socio-assistenziali (Osa) aderenti a Cgil-Cisl-Uil, dopo che il Comune di Napoli ha confermato che non sarà attivato il servizio di assistenza ai bambini disabili della scuola primaria nelle scuole di Napoli.I 106 lavoratori, in gran parte donne, si sono sdraiati davanti al portone del Municipio mentre un gruppo di loro colleghi si è legato con catene.

“Il Comune ha sospeso un servizio essenziale che interessa oltre 350 bambini disabili napoletani – afferma il segretario della Uil-Fpl Annibale De Bisogno. La spesa annua per l’ assistenza a scuola ai bambini disabili – secondo dati del sindacato – è di 1 milione e 200 mila euro. “Abbiamo chiesto inutilmente un incontro all’ assessore alle politiche sociali Roberta Gaeta – aggiunge il segretario della Uil-Fpl, che non ci risponde neanche più al telefono. Ci siamo rivolti quindi alla Prefettura, che ci ha assicurato l’ apertura di un tavolo di confronto.(ANSA)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments